Genova: la bufala della finta lettera scritta dal padre di Marta Danisi, una delle vittime

di redazione Blitz
Pubblicato il 17 agosto 2018 15:34 | Ultimo aggiornamento: 17 agosto 2018 15:34
post bufala padre vittima genova

Il lungo post-bufala del finto padre di una delle vittime di Genova

GENOVA – Un padre scrive una lettera straziante alla figlia che si conclude con un laconico “scrivimi quando arrivi in paradiso”. La ragazza è una delle vittime del ponte Morandi crollato a Genova. La ragazza, secondo quanto scritto nella lettera sarebbe morta  [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] mentre stava andando a prendere il traghetto per la Sardegna col fidanzato ed è stata condivisa da moltissime persone su Facebook. Nessuno però, prima di condividere la foto della ragazza e la lettera, ha pensato di verificarne il contenuto.

E le cose infatti stanno in maniera diversa. La vittima ritratta in foto si chiama Marta Danisi e non era genovese ma siciliana. La ragazza non stava andando in vacanza in Sardegna e soprattutto è orfana di padre da diverso tempo dato che l’uomo, come spiega il sito Dagospia che ha scoperto la bufala, è morto a 41 anni.

Marta Danisi da Sant’Agata di Militello si era trasferita ad Alessandria per lavoro. La giovane è morta nel crollo del ponte Morandi mentre, insieme al fidanzato e suo futuro marito Alberto Fanfani, accompagnava la madre, che era andata a trovarla ad Alessandria, in aeroporto.

Dagospia spiega che la condivisione della lettera sarebbe stata orchestrata per vedere l’effetto che fa o per far passare alcuni messaggi politici (vaccini, immigrati, famiglie arcobaleno) che nella lettera non mancano.

Ecco il testo completo della finta lettera:

“Mi avevi pregato tanto per andare in Sardegna col tuo fidanzato. Ti avevo detto che, fosse stato per me, non ci saresti andata. Però poi ho visto il tuo sorriso mentre programmavi i tuoi itinerari di viaggio, le escursioni, le giornate al mare. Ti ho detto di sí. Dovevi tornare a casa e raccontarmi come fosse stato. Dovevi dirmi che quel ragazzo ti aveva chiesto di sposarlo sulle note di quella canzone che cantavi sempre sotto la doccia, quella che hai messo anche oggi, prima di uscire. marta danisi MARTA DANISI Prima di dirmi che mi volevi bene, stringendomi in un abbraccio”. Tu con la tua testa sulla mia spalla e io con le mie mani ad accarezzarti quei capelli che non pettinavi mai. “Papà sono ricci.” E non era vero che “ogni riccio, un capriccio””.

“Per ogni tuo riccio si scatenavano dieci tempeste. Però eri buona. Eri tanto buona. Eri tua madre, senza la sua paura di vivere, con tanta voglia di guardare le cose belle del mondo. Ti ho dato un bacio sulla fronte “scrivi quando arrivi, prima di prendere il traghetto”. “Scrivi quando arrivi”, era il mio dirti che ti volevo bene, che ero un papà preoccupato, ma felice di vederti felice a tua volta. Poi ho sentito un boato, forte. Ho pensato a cosa potesse essere stato, ho cercato risposte, poi la notizia. Il ponte crollato, le vittime, era un inferno, dicevano. Ho sperato che mi chiamassi piangendo, dicendomi: “hai visto papà, c’è stato un crollo, ma io sono stata fortunata, avevo già attraversato il ponte” Avrei puntato il dito contro i politici corrotti, la scarsa manutenzione, la noncuranza di chi aveva compiuto una tale mattanza, ma avrei ringraziato di vedere di nuovo i tuoi occhi nocciola”.

“Ho sperato che tra quei morti non ci fossero i vostri nomi. Ho sperato di non vedervi ridotti ad una riga su un quotidiano. Vorrei sapere di chi è la colpa, chi si è portato via le tue mani affusolate o le tue magliette sempre a maniche corte. Chissà cosa hai provato. Chissà come ti stava il terrore addosso. Mai avrei pensato di poter avere cucita su di me la consapevolezza che fosse finita e che non avresti avuto più possibilità dalla vita. Niente laurea. Niente nuovi posti del mondo da fotografare, niente più “ti scrivo quando arrivo, papà”. alberto fanfani marta danisi ALBERTO FANFANI MARTA DANISI E mi chiedo come staranno gli altri genitori. Come starà chi ha perso il figlio senza una parola di cortesia. O un marito, una madre, un pezzo di cuore. Mi chiedo perché. Perché tu. E non ottengo risposte se non un disperato silenzio”.

“Ho pianto. Ho fatto scorrere quelle lacrime che tu mi recriminavi. Mi faccio pervadere dal dolore consapevole che non ti vedrò più. Consapevole che non ti accompagnerò all’altare. Consapevole che qualcuno, magari un padre come me, ha ignorato il problema per anni e ora parla di vincoli europei, governi precedenti e altre idiozie, cercando invano qualcuno contro cui puntare il dito, mentre ha addosso l’odore di morti che continuano ad aumentare. Consapevole che non ci sarai. Mai più. Voglio che tu sappia che sono fiero di essere tuo padre. Fiero di averti avuta accanto. Fiero dei tuoi abbracci che mi hanno fatto diventare un uomo migliore. Fiero di averti accompagnata nelle tue piccole vittorie e nelle tue grandi sconfitte. Sono fiero di averti vista crescere. Con una morsa al cuore per non poterlo fare più. E mentre c’è chi dal posto caldo dietro la propria scrivania discute sui vaccini, gli immigrati, le famiglie arcobaleno, mentre l’Italia crolla a pezzi, io piango chiedendo a Dio la forza per svegliarmi domani e vivere con la tua stessa volontà. Riposa in pace figlia mia. Scrivi quando arrivi, in paradiso Scrivi quando arrivi. Per sempre tuo, papà”.