Genova, donna di 35 anni strangola il figlio e poi si uccide. Forse in depressione post-partum

Pubblicato il 26 agosto 2009 11:41 | Ultimo aggiornamento: 26 agosto 2009 11:44

Una donna di 35 anni ha strangolato il proprio figlioletto di appena due settimane e poi si è tolta la vita impiccandosi.

Secondo le prime informazioni trapelate in questura il bambino è stato ucciso nel letto con un cavetto di alimentazione per telefoni cellulari. Madre e figlio erano in casa da soli. Il cadavere della donna, una genovese di 35 anni, sarebbe stato trovato vicino a quello del figlio.

La donna si sarebbe infatti impiccata alla spalliera del letto. A trovare i due corpi privi di vita sembra sia stato il padre della donna, che aveva le chiavi di casa, preoccupato perché la figlia da ieri sera non rispondeva al telefono. Secondo quanto appreso si tratterebbe di un classico caso di depressione post partum.