Genova, lascia il figlio neonato in casa tutta la notte: lo soccorrono i carabinieri

Pubblicato il 11 luglio 2010 12:48 | Ultimo aggiornamento: 11 luglio 2010 15:50

Un neonato di due mesi che piangeva disperatamente, solo in una casa del centro storico di Genova, è stato soccorso la notte scorsa da una pattuglia di carabinieri che lo hanno ricoverato al Gaslini. La madre, una donna di Capoverde di 38 anni, si è fatta viva solo alle 5 di stamani.

E’ stata denunciata per abbandono di minore. L’allarme sul pianto insistente del bambino è stato dato al 112 intorno alle 2 da una vicina di casa, nella zona della Maddalena. Una pattuglia del Nucleo Radiomobile ha suonato più volte al campanello d’ingresso, ma senza ottenere risposta. E’ stato così chiesto l’intervento dei vigili del fuoco che, attraverso una finestra, sono entrati nell’appartamento ed hanno trovato il neonato solo.

Portato all’ospedale pediatrico, il piccolo è apparso in buone condizioni: aveva soltanto fame e gli è stata data la poppata. Solo alle 5 del mattino la madre è rientrata nell’appartamento, una casa-famiglia gestito da un’associazione che assiste ragazze madri. Ha detto di essersi dovuta assentare per salutare una sua amica che partiva. Il neonato le è stato riaffidato, ma la donna non ha potuto evitare una denuncia per abbandono di minore.