Genova. Perché Francesco Lalla, ex capo Procura, respinge il fango di una agenda

Pubblicato il 17 Marzo 2015 11:53 | Ultimo aggiornamento: 17 Marzo 2015 11:57
Genova. Perché Francesco Lalla, ex capo Procura, respinge il fango di una agenda

Francesco Lalla, ex capo Procura, respinge il fango di una agenda

GENOVA – L’ex procuratore capo della Repubblica di Genova, Francesco Lalla, con il garbo del magistrato di una volta ma la fermezza di chi sa di essere una persona perbene, si è dimesso da difensore civico della Regione Liguria e ha detto quello che pensa sulle indiscrezioni giudiziarie che lo riguardano. L’inchiesta è in mano alla Procura della Repubblica di Torino, competente per i magistrati della Liguria e è stata promossa dalla Procura di Genova, dove Lalla è stato capo fino al 2010.

Non è vero, sostiene Francesco Lalla, che abbia mai chiesto l’assunzione della nuora all’allora presidente della banca Carige poi finito in carcere. Era stata selezionata e lui si limitò a confermare che era stata una buona scelta. La nuora, che già lavorava altrove, fece poi un’altra scelta di lavoro.

La riprova è nel fatto che, almeno finora, i magistrati che conducono l’inchiesta sulle malefatte di Berneschi non hanno visto nella conversazione estremi di possibile reato. Tant’è, basta una indiscrezione a fare scoppiare lo scandalo.

Sul Secolo XIX di martedì 17 marzo 2015 Marco Grasso ha riportato così le parole che Francesco Lalla, in conferenza stampa, dice di avere detto a Giovanni Berneschi. :

“Ricordo che in uno dei rari incontri con l’allora presidente Berneschi commentai favorevolmente il fatto che Banca Carige aveva contattato mia nuora che in quel periodo, come adesso, aveva un incarico dirigenziale in una società. Mi sono permesso di dire che Carige aveva fatto una buona scelta, commento inopportuno forse ma umanamente comprensibile. Tra l’altro mia nuora non ha accolto la richiesta di Carige. Preciso di non essere indagato”.

Completa Marco Grasso:

“Il nome dell’ex capo dei pm genovesi compare in un appunto dell’agenda trovata nell’appartamento di Amelia Tignonsini, ex segretaria personale di Berneschi, del 27 luglio 2009: “Lalla per assunzione Mariani”. «Non ho mai conosciuto la segretaria di Berneschi». Quanto al fatto che negli anni scorsi inchieste-fotocopia a quella che ha portato all’arresto del padre-padrone della banca fossero state archiviate, Lalla ha precisato che «nel periodo in cui è avvenuto quel colloquio Berneschi non aveva alcun accertamento giudiziario in corso per l’ufficio del pubblico ministero».

Nel corso dell’incontro, riferisce Marco Grasso, Lalla ha attaccato uno degli autori dell’articolo pubblicato dal Secolo XIX. L’articolo era a firma di Marco Grasso e Matteo Indice. Ha detto Lalla:

“A mio parere il giornalista doveva astenersi poiché c’erano interessi personali”.

Spiega Marco Grasso:

“Il riferimento indiretto è a una querela presentata nel 2010 contro Matteo Indice, che si è conclusa con una condanna in primo grado e ora è in attesa di definizione presso la Corte d’Appello di Torino. La replica di Matteo Indice è stata:

“Visto che il riferimento mi tocca personalmente, rispondo che così è comodo. In base a un principio del genere, basterebbe una querela di parte per disinnescare un giornalista scomodo e nessuno potrebbe più scrivere di niente”.

Sabato 14 marzo, Marco Grasso e Matteo Indice avevano scritto sul Secolo XIX:

“L’archivio di Giovanni Berneschi non spaventa solo la politica. Dal calderone dello scandalo Carige salta fuori un’agendina piena di nomi di alti magistrati e una segretaria che conosce, giustamente, molti segreti.

Gli atti sono in un’inchiesta parallela, aperta dalla Procura di Torino, in cui ci sono fra gli altri i nomi dell’ex procuratore capo di Genova Francesco Lalla (novità assoluta), che a Berneschi avrebbe «chiesto l’assunzione per una nipote»; e quello di Roberto Fucigna, che «in veste di presidente di una squadra di volley» (sponsorizzata dalla banca stessa) incontrava l’ex leader dell’istituto in modo «assiduo».

Negli stessi anni, rilevano gli investigatori, da giudice per le indagini preliminari archiviò i primi fascicoli su Carige. Fra il 2002 e il 2003 le Fiamme Gialle focalizzarono un giro di false fatture e fondi neri e varie truffe sulle compravendite immobiliari del gruppo creditizio.

Episodi molto simili a quelli emersi quando alla Procura di Genova è approdato il nuovo capo Michele Di Lecce. Non solo. Nelle vecchie indagini condotte ai tempi di Lalla e Fucigna, vennero archiviati molti dei personaggi arrestati l’anno scorso su (nuova) richiesta dei pubblici ministeri Nicola Piacente e Silvio Franz”.

Queste le repliche di Francesco Lalla e Roberto Fucigna, raccolte dal Secolo XIX:

“I discorsi su quell’assunzione? Li ricordo, certo, ma non si trattò d’una richiesta di favori, anzi. Mia nipote alla fine rinunciò volontariamente all’ingresso in Carige, perché aveva altre opportunità. Non pretesi alcuna spintarella” ha detto Lalla.

E Fucigna ha spiegato: “Chiedevo solo se era disponibile a sponsorizzare la pallavolo, nient’altro. L’archiviazione dei vecchi rilievi su Carige? La Procura in primis sosteneva non ci fossero elementi per insistere. Oggi con lo sport ho smesso, vado solo allo stadio…”.