Genova: picchia la moglie perché geloso, poi minaccia i poliziotti. Serve il taser per fermarlo

di Alberto Francavilla
Pubblicato il 14 aprile 2019 16:21 | Ultimo aggiornamento: 14 aprile 2019 16:21
Genova: ubriaco picchia la moglie perché geloso, poi minaccia i poliziotti. Serve il taser per fermarlo

Genova: picchia la moglie perché geloso, poi minaccia i poliziotti. Serve il taser per fermarlo (foto d’archivio Ansa)

ROMA – Ha picchiato la moglie perché geloso di lei, poi ha distrutto casa e minacciato di morte i poliziotti. E’ stato necessario il taser, l’arma che immobilizza, per bloccarlo: è la prima volta a Genova. L’episodio nel quartiere di Begato, protagonista un italiano di 40 anni, ubriaco.

A chiamare la polizia la donna, dopo che l’anziana madre, terrorizzata dal fatto, respirava male. All’arrivo dei poliziotti l’uomo ha lanciato oggetti dalle scale e gridato “Vi ammazzo”. Uno, per calmarlo, ha usato il taser solo nella fase in cui emette un rumore di solito fa da deterrente. Non è bastato e durante la mediazione l’uomo si è spogliato, ha gridato “sparatemi” e ha lanciato una bicicletta contro i poliziotti.

A questo punto è stato usato il taser con i dardi: l’uomo si è accasciato rimanendo cosciente. Il 40enne, portato in ospedale dove è stato sedato, è stato arrestato per resistenza e minaccia a pubblico ufficiale e danneggiamento aggravato. La moglie (prognosi 7 giorni) lo ha denunciato per maltrattamenti.

Genova era stata inserita nella sperimentazione del taser dopo i tragici fatti di via Borzoli dove un agente aveva sparato e ucciso un giovane sudamericano che aveva accoltellato un collega nell’ambito di un intervento per un trattamento sanitario obbligatorio. (Fonte Ansa).