Genova: trova la mamma morta da giorni, la taglia a pezzi e la infila in sacchetti di plastica

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 Aprile 2020 10:38 | Ultimo aggiornamento: 24 Aprile 2020 13:07
Genova: trova la mamma morta da giorni, la taglia a pezzi e la infila in sacchetti di plastica

Genova: trova la mamma morta da giorni, la taglia a pezzi e la infila in sacchetti di plastica (foto ANSA)

GENOVA – Ha trovato la madre morta in casa in avanzato stato di decomposizione, ha fatto a pezzi il cadavere e poi lo ha messo i resti in alcuni sacchi di plastica lasciati nel bagno.

E’ il racconto fornito alla polizia da Giulia Stanganini, 37 anni.

La donna si è recata in questura dove ha raccontato tutto agli agenti, che adesso stanno indagando per chiarire i contorni della vicenda e capire se si sia trattato di un gesto di follia o di un omicidio.

Sarebbe accaduto tre giorni fa in un appartamento di via Bertuccioni, zona Marassi, a Genova.

Secondo la 37enne, la madre, Loredana Stupazzini, 63 anni, si sarebbe suicidata impiccandosi.

Giulia Stanganini è apparsa in stato confusionale, secondo quanto scrive Tele Nord.

Ha raccontato di avere trovato il cadavere della madre e aggiunto che “non era più lei…”.

Dopo avere fatto a pezzi il corpo della madre, avrebbe dormito e vissuto nell’appartamento, fino a quando, oggi 24 aprile, ha deciso di recarsi in questura a raccontare tutto.

“Ho lo sfratto, sto vivendo un brutto momento” ha aggiunto. 

Nell’appartamento hanno compiuto un sopralluogo gli agenti delle volanti e gli uomini della squadra mobile.

La polizia sta verificando la veridicità del racconto o se possa essersi trattato di un omicidio.

Gli investigatori indagano per omicidio volontario, anche se la 37enne non è al momento in stato di fermo.

Un vicino di casa, scrive sempre il sito Tele Nord, ha riferito che la donna viveva in casa della madre da tempo.

“L’ho vista ieri, era uscita per andare a comprare le sigarette in una tabaccheria qui vicino, appariva molto confusa come al solito…”.

Pare inoltre che la 37enne a novembre avesse perso un figlio di 4 anni, nato da una relazione con un tunisino, e che fosse stata sottoposta ad un trattamento psichiatrico obbligato. (fonti ANSA, TELE NORD)