Genzano, picchia la figlia della compagna perché piangeva: bimba di 2 anni gravissima

di Redazione Blitz
Pubblicato il 14 febbraio 2019 18:34 | Ultimo aggiornamento: 14 febbraio 2019 21:07

Genzano, picchia la figlia della compagna: bimba di 2 anni è grave

ROMA – Ha picchiato la figlia della compagna, una bimba di 22 mesi, in preda a un raptus: “Piangeva troppo, ho perso la testa”. Non era la prima volta che il 25enne italiano picchiava la bimba, che è stata ricoverata d’urgenza all’ospedale di Genzano la sera del 13 febbraio e poi trasferita al Bambino Gesù di Roma per una emorragia cerebrale. La bimba rischia di morire e l’uomo è stato arrestato per tentato omicidio.

A pochi giorni dalla tragedia di Giuseppe Dorice, il bimbo di Cardito ucciso a botte dal compagno della madre, un caso viene registrato nella provincia di Roma. La bimba di 22 mesi è ricoverata in prognosi riservata e potrebbe essere operata al cervello per i traumi riportati.

La mamma della bimba ha raccontato ai carabinieri che a picchiare la piccola era stato il suo compagno, che la donna aveva lasciato col figlio maggiore e con le sue gemelle di 22 mesi. L’uomo è stato fermato e ha tentato di difendersi: “E’ stato un raptus. Non volevo…”, ha detto ai militari.

Oltre a ecchimosi e graffi sul volto avrebbe anche segni di morsi. La coppia sembra convivesse da due mesi e già in passato la bambina avesse subito percosse. Quando la madre è rientrata a casa e ha visto la figlia in gravi condizioni l’ha presa e l’ha portata fin davanti al cancello all’ospedale di Genzano, attualmente chiuso. La vigilanza ha dato l’allarme e la bambina è stata portata all’ospedale dei Castelli scortata dagli agenti da cui poi è stata trasferita al Bambino Gesù.