Gessica Lattuca, non è suo il sangue trovato a casa del fidanzato Filippo Russotto

di redazione Blitz
Pubblicato il 29 Ottobre 2018 14:19 | Ultimo aggiornamento: 29 Ottobre 2018 14:19
Gessica Lattuca, non è suo il sangue trovato a casa del fidanzato Filippo Russotto

Gessica Lattuca, non è suo il sangue trovato a casa del fidanzato Filippo Russotto

ROMA – Non era di Gessica Lattuca il sangue trovato dai Ris in bagno, a casa dell’ex fidanzato Filippo Russotto. Della donna, ventisettenne e madre di 4 figli piccoli, non si hanno più notizie dallo scorso 12 agosto. Il test del Dna ha per ora scagionato l’unico indiziato: il compagno col quale la donna aveva un rapporto altalenante.

Dagli esiti degli esami risulterebbe che quelle tracce ematiche appartengono a una persona molto vicina a Gessica e cioè il fratello Vincenzo Lattuca. “La giustizia mi ha dato ragione”, esulta Russotto che però resta indagato per sequestro di persona e omicidio nel fascicolo aperto dalla procura di Agrigento.

Gessica è sparita la sera del 12 agosto, quando si è allontanata dalla casa nella quale viveva con la madre Giuseppa Caramanno e i quattro figli, dicendo che sarebbe andata a trovare suo fratello. Ma a casa di Vincenzo non è mai arrivata.

Nel corso delle indagini è emerso poi un passato piuttosto turbolento nella vita della ragazza. Il suo ex datore di lavoro, Gaspare Volpe, è stato arrestato poche settimane fa per violenza ai danni della moglie. C’è poi la testimonianza di Serena, un’amica di Gessica, che ha parlato di un giro di prostituzione e ricatti, al cui vertice ci sarebbe proprio Volpe.