Giacomo e Domenico Romelli uccisero cane a bastonate: assolti

di redazione Blitz
Pubblicato il 25 dicembre 2016 14:15 | Ultimo aggiornamento: 25 dicembre 2016 14:15

BRESCIA – Giacomo e Domenico Romelli, padre e figlio di Breno in Valcamonica, sono stati assolti dal Tribunale di Brescia. I due pastori erano accusati di aver ucciso senza pietà un cane a bastonate. Per i giudici “il fatto non sussiste”.

La vicenda risale al 18 luglio 2014 quando un passante riuscì a fotografare l’atroce scena. Quegli scatti furono pubblicati sul quotidiano Brescia Oggi. Di lì è scattata la denuncia e poi le indagini. Al processo il pm aveva chiesto per entrambi una condanna a 1 anno e undici mesi. Ma poco prima dell’arringa dell’accusa, i due si erano difesi sostenendo di aver agito per legittima difesa: temevano che il cane, con il suo ringhio, potesse fare loro del male. E a quanto pare i giudici gli hanno creduto.

“Una sentenza che ci lascia sgomenti”, commenta la Lav, la Lega Antivivisezione. Per Ilaria Innocenti, portavoce dell’associazione animalista: “La crudeltà inaudita e documentata dalle fotografie pubblicate su Brescia Oggi, non trova, a nostro avviso, spiegazione nella tesi della legittima difesa”.

“La Lav, in attesa di leggere le motivazioni della sentenza, chiede da subito al Pm di ricorrere in Appello affinché una simile violenza non rimanga impunita e invita il testimone oculare della macabra esecuzione, che scattò le immagini pubblicate sul quotidiano bresciano, affinché esca dall’anonimato e racconti esattamente come si sono svolti i fatti”.