Gigi Proietti, il vice direttore del Messaggero: “Nella bara anche una copia della nostra prima pagina”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 4 Novembre 2020 16:51 | Ultimo aggiornamento: 4 Novembre 2020 16:51
Gigi Proietti, il vice direttore del Messaggero: "Nella bara anche una copia della nostra prima pagina"

Gigi Proietti, il vice direttore del Messaggero: “Nella bara anche una copia della nostra prima pagina” (foto Ansa)

Alvaro Moretti, vice direttore del Messaggero, intervistato da RTL 192,5, ha parlato del rapporto tra Gigi Proietti e il quotidiano romano:

“Gigi Proietti aveva scritto per noi, sonetti o interviste. E poi la fiction in onda su Rai 1, Una pallottola nel cuore, era ambientata proprio nella nostra redazione”.

E ancora: “La famiglia, da quello che sappiamo, inserirà nella bara la prima pagina di ieri (martedì 3 novembre, nrd), che è storica perché dedicata proprio a lui.

Ringraziamo la famiglia, un senso di responsabilità molto importante per tutti noi. Seguiremo i funerali che saranno in forma privata”.

Dopo la morte di Gigi Proietti molti attori e personaggi dello spettacolo gli hanno dedicato dei sonetti, come lo stesso Proietti fece per la scomparsa di Vittorio Gassman e Alberto Sordi. 

Il sonetto di Enrico Montesano

Mandra’ me senti?
Avoja! 
Ma me senti bbene? Pure da lassù? 
E daje! Dimme su!
Tutti me chiedono da scrive na cosa
‘n pensiero su dde te.. 
Che fò lo faccio? 
A Poma’ fallo si tte va e ssi voi, 
si ciai na bona idea, ch’è cioo sai 
è come ‘n cavallo bono… 
Ah si è ppe questo co mme 
Nun sbaji mai! 
Beat’a tte Poma’..e io che te do retta,
come ar solito, co te c’è poco da fidasse !
Senti, volevo ‘comicia..cosí.. 
Giggi ar trotto se n’è ito 
er traguardo ha tajato vittorioso, 
dopo la sgroppata de la vita! 
Ciò pensato da stammatina 
Tu, co Bernadette, 
er traguardo l’hai tajato prima!
Invece te co Sordatino 
ma ‘n do vai? 
È un trottatore anomalo 
Arivi solo quanno vole lui! 
Ma ce lo sai Mandra’…
Ar traguardo ciarivamo tutti 
Trottari belli e pure quelli brutti!
Ma si che tte frega. Daje brija! 
Scrivi quello che te pare 
basta che nun fai er piagnisteo 
come se usa fare. 
Ah pe’ quello Mandra’ 
tocca abbozza’. 
Ce so le tv generaliste, 
Co ‘a lacrima pronta 
E ‘a faccia triste! 
A Poma’ fatte veni’ ‘n’idea, 
‘na bella trovata…mò 
nun posso fa er bis,, 
Ma ciò l’occhi 
tutti su de me…”plis!” 
Beh la chiusa ce l’ho:
Hai fatto ‘na mossa inaspettata, 
Annattene proprio 
er giorno de la festa tua. 
Che Mandrakata! 

 

Il sonetto di Pierfrancesco Favino

Però ‘n se fa così, tutto de botto.

Svejasse e nun trovatte, esse de colpo a lutto.

Sentì drento a la panza strignese come un nodo

Sape’ che è la mancanza e nun avecce er modo

de ditte grazie a voce pe’ quello che c’hai dato

pe’ quello che sei stato, perché te sei inventato

un modo che non c’era de racconta’ la vita

e ce l’hai regalato così un po’ all’impunita,

facendo crede a tutti che in fondo eri normale,

si ce facevi ride de quello che fa male,

si ce tenevi appesi quando facevi tutto,

Parla’, balla’, canta’, pure si stavi zitto.

Te se guardava Gi’, te se guardava e basta

come se guarda er cielo, senza vole’ risposta.

All’angeli là sopra faje fa du risate,

ai cherubini imparaje che so’ le stornellate,

Salutece San Pietro, stavolta quello vero,

tanto gia’ ce lo sanno chi è er Cavaliere Nero.

Il sonetto di Anna Foglietta

So’ distrutta..le lacrime me scennono e nun smetteno..te ne sei annato così, in quest’anno maledetto dar Signore, dove tutti semo ansiosi e preoccupati.. te ne sei annato e manco te potemo da’ quell’abbraccio che te saresti meritato, pe’ tutte le risate che c’hai regalato, pe’ tutta la spienseratezza che c’hai fatto provà..c’hai reso leggero er core e questo Giggi caro nun c’ha prezzo. Sei destinato all’immortalità , fattene ‘na raggione, e noi poverelli destinati a vive ancora su sto monno storto, nun ce resta che ricordasse de le battute tue, de li racconto infiniti, de la risata tua che rimbombava dappertutto.

Giggi sei nostro e sto passaggio infame all’artra vita, te deve accoglie co’ tutte le riverenze der caso, perché sei grande, come grandi erano l’applausi che la gente, er popolo, te faceva..nun finivano più, e te, co l’imbarazzo der pupo te ne stavi sul palco quasi ‘ntimidito.. eppure eri un re! Nun c’era er trono o er mantello de zibellino, ma tu c’avevi dentro la regalità de li signori… mettetevi in ginocchio perché Giggi nun ce sta più , e st’applauso mò deve sonà più forte de prima. (Fonti: RTL 102,5, Il Messaggero).