Gino Paoli al finto Vendola: “Soldi in Svizzera. Tutto più o meno regolare”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 20 Marzo 2015 19:20 | Ultimo aggiornamento: 20 Marzo 2015 19:20
Gino Paoli al falso Vendola: "Soldi in Svizzera. Tutto più o meno regolare"

Gino Paoli al falso Vendola: “Soldi in Svizzera. Tutto più o meno regolare”

ROMA – Torna a colpire il falso Nichi Vendola utilizzato dalla trasmissione La Zanzara per rubare dichiarazioni a personaggi pubblici nell’occhio del ciclone. Stavolta a cadere nel tranello è Gino Paoli, al centro di un’inchiesta per una presunta evasione fiscale con soldi nascosti in Svizzera. Paoli crede si tratti del vero Vendola e gli spiega: “Tutto più o meno regolare, è una storia che si sgonfierà”. Il resto è un atto di accusa contro gli italiani, definiti “popolo di odiatori” e i giornali che li accontentano e “non scrivono mai fatti”.

“Esiste solo un paese al mondo dove devi dimostrare di essere innocente, invece che lo Stato dimostri che tua sia colpevole. In Italia sei colpevole fino a quando non dimostri di essere innocente. Invece ti condannano già sui giornali, è così…”. dice Gino Paoli amareggiato.

“I giornali ci hanno marciato sopra”, dice il falso Vendola. “I giornali – risponde Paoli,

marciano sopra qualsiasi cosa. Questo è un popolo di odiatori e loro lo accontentano e basta. Io continuo a fare il mio mestiere e abbandono tutto il resto. Il mio mestiere sono quello che sono e non quello che dicono i giornali”. Questa storia dei soldi in Svizzera è molto sgradevole, osserva ‘Vendola’. E Paoli: “E’ una storia che si sgonfierà. E’ tutto più o meno regolare, non c’è niente che possa essere impugnato contro di me. Non è quello che sembra”.

Poi Gino Paoli torna ad attaccare i giornali:

“I giornali non sanno di quello che parlano, non scrivono fatti ma opinioni, sempre negative”. “Anche quelli amici”, osserva ancora il finto Vendola. “Mio nonno mi diceva – risponde il cantante – dagli amici mi guardi Iddio che dagli amici mi guardo io”.