Gioele, l’ex carabiniere che ha trovato i resti: “Non sono un eroe. Spero trovino altro, ma non sarà facile”

di redazione Blitz
Pubblicato il 27 Agosto 2020 17:01 | Ultimo aggiornamento: 27 Agosto 2020 17:01
Gioele, l'ex carabiniere che ha trovato i resti: "Non sono un eroe. Spero trovino altro, ma non sarà facile"

Gioele, l’ex carabiniere che ha trovato i resti: “Non sono un eroe. Spero trovino altro, ma non sarà facile” (Foto Ansa)

Giuseppe Di Bello, l’ex carabiniere che ha trovato i resti di Gioele Mondello, dice: “Non sono un eroe. Spero che ora trovino anche gli altri resti del bambino”

“Non sono un eroe. Le forze dell’ordine hanno fatto del loro meglio. Ora spero che trovino gli altri resti di Gioele Mondello, anche se non sarà facile ormai”: a parlare è Giuseppe Di Bello, l’ex carabiniere e cercatore di funghi che ha trovato il 19 agosto tra le campagne di Caronia i resti del bimbo scomparso insieme alla madre, Viviana Parisi.

“Ho saputo che i vigili del fuoco sono lì dove ho trovato Gioele e stanno cercando altri resti spero trovino qualcosa, ma sicuramente non sarà facile. E’ probabile che diverse specie di animali, come la volpe o i suini neri o altri si siano purtroppo contesi il suo corpo e lo abbiano portato lontano. E’ passato troppo tempo”, ha detto Di Bello.

“Lì dove ho trovato Giole – prosegue l’ex carabiniere – non ho visto tane di animali, ma molta boscaglia, può essere ci sia ancora qualcosa, ma non so se disboscare sia la scelta migliore, si alterano i luoghi. Comunque mi auguro trovino qualcosa”.

“Non sono un eroe – prosegue – e non sono un esperto: ho solo capito dalla vegetazione, che quello era un posto meno battuto e mi sono infilato lì trovando Gioele, ho seguito l’istinto. Io amo il bosco, ero anche cacciatore ci vado da quando ero piccolo e non ho paura, il bosco bisogna toccarlo, conoscerlo e rispettarlo”.

Le polemiche sui ritardi nelle ricerche

Non vuole fare polemica con i vigili del fuoco e le altre forze dell’ordine: “Hanno fatto del loro meglio, hanno fatto quanto era possibile. Inizialmente mi volevano dare una zona dove cercare, ma io mi sono rifiutato, vado dove mi sento di andare, altrimenti non avrei continuato”.

Riguardo alle polemiche sulle immagini dei droni analizzate in ritardo, afferma: “Ognuno fai il proprio lavoro, io non giudico mai quello degli altri. Mi ha fatto piacere mi abbia chiamato il padre di Gioele per ringraziarmi, immagino stia soffrendo moltissimo. Le parole del padre di Viviana nei miei confronti non le dimenticherò mai”.   

I vigili del fuoco disboscano l’area

Intanto, come stabilito dalla Procura di Patti, i vigili del fuoco hanno iniziato a disboscare parti della boscaglia attigua al posto dove sono stati trovati i resti del piccolo Gioele. L’attività, in presenza della polizia scientifica, serve alla ricerca di altre parti del corpo. (Fonte: Ansa)