Giorgio Barzoi, primario assenteista condannato a 1 anno e 4 mesi: 30mila€ di danni

di redazione Blitz
Pubblicato il 11 Maggio 2015 19:32 | Ultimo aggiornamento: 11 Maggio 2015 19:32
Giorgio Barzoi, primario assenteista condannato a 1 anno e 4 mesi:30mila€ di danni

Giorgio Barzoi, primario assenteista condannato a 1 anno e 4 mesi: 30mila€ di danni

MILANO – Timbrava il cartellino e poi si allontanava dall’ospedale: nel 2013 lo ha fatto 145 volte. Per questo il gup di Milano lo ha condannato a un anno e quattro mesi di carcere. Giorgio Barzoi, primario del reparto di anestesia dell’ospedale Fatebenefratelli di Milano dovrà inoltre risarcire l’ospedale per 30 mila euro. Condannata a 8 mesi anche la collega Roberta Tuveri, che lo avrebbe coperto durante le sue assenze.

Sia il primario che la collega sono stati processati con rito abbreviato, che consente lo sconto di un terzo della pena in caso di condanna. Il gup ha riqualificato il reato contestato ai due imputati da truffa ai danni dell’azienda ospedaliera a falsa attestazione o certificazione della presenza in servizio (articolo 55 quinquies del decreto legislativo 165 del 2001), figura di reato stabilita dalla riforma Brunetta sulla pubblica amministrazione.

Il primario assenteista è stato quindi condannato al pagamento di un risarcimento di 30mila euro, pari allo stipendio percepito ingiustamente, a favore dell’ospedale milanese, che si è costituito parte civile nel processo. Somma che comprende i danni economici e quelli di immagine.

Nella scorsa udienza, il pm Paolo Filippini aveva chiesto la condanna di Barzoi e Tuveri rispettivamente a un anno e a 6 mesi di reclusione. Più dura è stata la sentenza del giudice. Barzoi in passato si era giustificato sostenendo che il rendimento di un medico non si può giudicare da quante volte timbra il cartellino.