Giovanni De Pierro, maxi sequestro da 270 milioni: società, terreni, yacht e fabbricati

di Redazione Blitz
Pubblicato il 29 gennaio 2014 12:31 | Ultimo aggiornamento: 31 gennaio 2014 13:24

zROMA, 29 GEN – Maxi sequestro da 270 milioni di euro a Giovanni De Pierro, imprenditore romano del settore delle pulizie emigrato formalmente in Spagna. L’operazione è partita stamani all’alba, ha impegnato 200 finanzieri.

Giovanni De Pierro è accusato di appropriazione indebita, truffa, bancarotta fraudolenta, riciclaggio e reimpiego di capitali illeciti. L’accusa, spiega un comunicato della Guardia di finanza, è quella di aver organizzato un sodalizio criminale dedito all’appropriazione indebita, alla truffa in danno di enti pubblici, alla bancarotta fraudolenta, al riciclaggio e reimpiego di capitali illeciti, al trasferimento fraudolento di valori e alla perpetrazione di reati tributari.

Tra i beni sottoposti a sequestro società, conti correnti, centinaia tra fabbricati e terreni (tra cui quello della discarica di Borgo Montello), 32 motoveicoli e 2 yacht di oltre 20 metri. Il tutto per un valore di circa 270 milioni di euro.

“In due giorni siamo arrivati a sequestri per 424 milioni di euro, importo pari alla mini Imu per la quale il Parlamento ha discusso tanto negli ultimi mesi. Se si riuscisse a fare una seria lotta all’evasione…”. Lo ha detto il procuratore della Repubblica di Roma Giuseppe Pignatone in conferenza stampa: “”.

Pignatone ha sottolineato come la “nuova strategia della procura di Roma” sia quella di aggredire i patrimoni di soggetti socialmente pericolosi, anche se non mafiosi, ed in questo senso “dal 2012 – ha aggiunto – c’e’ stato un incremento dell’800 per cento dell’ammontare dei beni sequestrati”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other