Giulianova, italo-senegalese cacciato dagli uffici Asl: “Vattene, questo non è il veterinario”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 30 luglio 2018 18:11 | Ultimo aggiornamento: 30 luglio 2018 18:11
gulianova asl razzismo

Giulianova, italo-senegalese cacciato dagli uffici Asl: “Vattene, questo non è il veterinario”

TERAMO – Si rivolge agli uffici territoriali della Asl di Giulianova, in provincia di Teramo, per chiedere il rinnovo del libretto sanitario ma un senegalese di 39 anni, [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] Ibrahima Diop, dal 2000 in Italia, sposato con un’italiana e con un figlio di 16 anni, residenti a Roseto degli Abruzzi, viene insultato da un dipendente che gli avrebbe detto la frase ‘qua non c’è il veterinario’, come denunciato ai Carabinieri dall’uomo.

La Asl di Teramo, su disposizione del direttore generale Roberto Fagnano, ha aperto un’inchiesta interna sulla vicenda.

“Ci sono rimasto davvero male, è la prima volta che mi capita una cosa del genere”, ha spiegato l’uomo al Corriere Adriatico, raccontando: “Dovevo rinnovare il libretto sanitario, volevo sapere soltanto quali fossero i documenti da portare agli uffici dell’azienda sanitaria locale ma un addetto mi ha insultato senza motivo.. Mai come in quel momento mi sono sentito umiliato”.

Il 39enne ha raccontato di un uomo sui 50-60 anni, alto, capelli grigi, occhiali” lasciando il compito ai carabinieri di individuare la persona perché “è giusto che chi ha sbagliato paghi”. Dopo il racconto Ibrahima, che potrebbe rappresentare una bella storia di perfetta integrazione con un lavoro, una moglie e un figlio ormai 16enne, ha trovato la solidarietà e gli attestati di stima dei suoi compaesani che lo descrivono come un uomo perfettamente integrato nella cittadina.