Giuseppe Boccia, tassista aggredito dagli agenti a Napoli: “Preso a calci…”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 27 settembre 2013 11:07 | Ultimo aggiornamento: 27 settembre 2013 11:07
Giuseppe Boccia, tassista aggredito dagli agenti a Napoli: "Preso a calci..."

I taxi a Napoli

NAPOLI – Giuseppe Boccia, di professione tassista, racconta a Il Mattino l’aggressione subita, il 25 settembre, da parte delle forze dell’ordine.

Pur facendo spesso i turni di sera a Giuseppe Boccia non era mai capitato di essere aggredito. Due sere fa, giorno della partita intorno alle 23 risponde ad una chiamata del radiotaxi, deve prendere un cliente in via Rossetti.

PER GUARDARE LE FOTO SU IL MATTINO CLICCA QUI

Boccia prende e parte, arrivato in via Giambattista Vico all’incrocio con viale Augusto trova la strada transennata e protetta da sette agenti, cinque sono delle Municipale, due sono in borghese. Si ferma, spiega della chiamata, fa presente che i taxi – è sempre stato così – possono passare. E scoppia il finimondo conclusosi a tarda sera prima all’ospedale San Paolo e poi negli uffici della Questura in via Medina.