Giuseppe Ferdico, arrestato “re dei detersivi”: non poteva gestire il suo patrimonio

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 ottobre 2017 12:03 | Ultimo aggiornamento: 3 ottobre 2017 12:25
Giuseppe Ferdico, arrestato "re dei detersivi": non poteva gestire il suo patrimonio

Giuseppe Ferdico, arrestato “re dei detersivi”: non poteva gestire il suo patrimonio

PALERMO – Il commerciante arrestato dalla Guardia di Finanza a Palermo nel corso di una indagine a carico di cinque persone accusate a vario titolo di intestazione fittizia di beni, favoreggiamento personale e reale ed estorsione aggravata dal metodo mafioso è Giuseppe Ferdico, il “re dei detersivi. Processato e assolto in passato dall’accusa di concorso in associazione mafiosa. L’assoluzione, però, non gli ha evitato le misure di prevenzione. A marzo scorso, i giudici palermitani misero i sigilli al suo patrimonio: immobili, società e conti dal valore di 450 milioni di euro.

“All’ascesa imprenditoriale di Ferdico – scrissero i magistrati – risulta associata la costante capacità di meritare la fiducia di numerosi esponenti di spicco della consorteria tanto da inserirsi a pieno titolo tra i riciclatori del denaro di una delle famiglie mafiose più radicate nel tessuto economico della città come quella dell’Acquasanta”. Il collegio sottolinea inoltre i rapporti tra Ferdico e i boss di San Lorenzo Salvatore e Sandro Lo Piccolo. Nel provvedimento si definiva l’imprenditore “socialmente pericoloso” e gli si imponeva la sorveglianza speciale per tre anni e sei mesi.

L’amministratore giudiziario indagato, per lui sono stati disposti gli arresti domiciliari, invece, è Luigi Miserendino. Secondo l’accusa avrebbe consentito al commerciante di continuare a controllare uno dei centri commerciali confiscati che era stato affittato proprio dall’amministrazione giudiziaria a un prestanome del re dei detersivi.

Oltre all’imprenditore palermitano accusato di intestazione fittizia di beni Giuseppe Ferdico e all’amministratore Giudiziaro Luigi Miserendino, ai domiciliari per favoreggiamento, la Guardia di finanza ha arrestato l’imprenditore Francesco Montes, accusato di intestazione fittizia di beni, e Pietro Felice e Antonino Scrima, accusati di estorsione. Secondo gli investigatori, coordinati dalla Dda di Palermo, Ferdico, al quale a marzo è stato confiscato un patrimonio di 450 milioni di euro, in quanto ritenuto vicino alla famiglia mafiosa di San Lorenzo, avrebbe continuato a gestire, attraverso Montes e grazie alla complicità dell’amministratore giudiziario, il centro commerciale Portobello di Carini e il supermercato che si trova nel centro stesso. Il centro commerciale era stato formalmente affittato a Montes che, di fatto, era però in società con Ferdico. Il controllo totale che il commerciante esercitava sull’attività economica confiscata si deduce da decine di intercettazioni ed era a conoscenza dell’amministratore giudiziario che, non sapendo di essere intercettato, ammetteva candidamente di sapere come andavano le cose ma di non volersene occupare. Dall’inchiesta è emerso il ruolo di due factotum di Ferdico, Felice e Scrima, che chiedevano il pizzo ai commercianti del centro commerciale.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other