Giuseppe Giannini, l’ex capitano della Roma a giudizio in inchiesta su camorra

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 Gennaio 2015 14:04 | Ultimo aggiornamento: 3 Gennaio 2015 14:04
Giuseppe Giannini

Giuseppe Giannini

ROMA – C’è anche l’ex capitano della Roma Giuseppe Giannini, “Il principe” – come scrive Repubblica – tra i 104 imputati rinviati a giudizio venerdì 2 gennaio nell’ambito dell’inchiesta della Dda di Napoli sulle attività illecite del clan camorristico Contini.

Giannini deve rispondere di frode nelle competizioni sportive, ipotesi di reato legata al campionato 2008-2009 di Lega Pro. Quando lui allenava il Gallipoli. A parere dei pm, per agevolare la promozione della squadra, il Principe, assieme a Salvatore Righi – ritenuto legato ai Contini – e al direttore sportivo Luigi Dimitri, avrebbero versato 50 mila euro ad alcuni giocatori del Real Marcianise, formazione che perse la partita con il Gallipoli per 3 a 2 nell’ultima di campionato, vittoria che consentì alla squadra allenata da Giannini di essere promossa in serie B.

Il processo a Giannini e agli altri imputati (di reati più gravi quali l’associazione mafiosa e il riciclaggio) avrà inizio il 17 febbraio. In quella sede il Principe, che ha sempre respinto le accuse, potrà difendersi e cercherà di dimostare la sua estraneità rispetto alle imputazioni mosse dalla Procura anticamorra.