Giustizia/ Inizia lo sciopero di sei giorni dei “giudici delle multe”. 170 mila processi bloccati

Pubblicato il 13 Luglio 2009 17:41 | Ultimo aggiornamento: 13 Luglio 2009 17:41

È iniziato lo sciopero nazionale di sei giorni dei giudici di pace, da lunedì 13 a sabato 18 luglio 2009.

L’Associazione nazionale e l’Unione nazionale dei giudici di pace avevano annunciato congiuntamente lo sciopero contro la condizione di precarietà della categoria.

Il giudice di pace, “il giudice delle multe” per intenderci, non ha assistenza per malattia, infortunio e maternità. Secondo quanto spiega il presidente dell’Associazione Nazionale, Francesco Cersosimo, «ha gli stessi doveri del magistrato ma senza la continuità nell’incarico». E ancora: «Deve assicurare alta professionalità, ma non gli si offre alcun sostegno al suo impegno quotidiano. È retribuito a cottimo ed ad udienza, non percepisce indennità di aggiornamento e studio».

Secondo una recente stima ad aprile 2010 e nel 2012 perderanno l’incarico la quasi totalità degli attuali giudici di pace in servizio.

Lo sciopero di sei giorni, fanno sapere le associazioni dei magistrati onorari, ha bloccato 170 mila processi previsti in quei giorni.