Gloria, 23 anni: ammazzata di botte dai parenti che la costringevano a prostituirsi

di Redazione Blitz
Pubblicato il 21 settembre 2017 10:44 | Ultimo aggiornamento: 21 settembre 2017 12:34
Gloria, 23 anni: ammazzata di botte dai parenti che la costringevano a fare la prostituta

Gloria, 23 anni: ammazzata di botte dai parenti che la costringevano a fare la prostituta

LATINA – I parenti la costringevano a prostituirsi e quando lei si ribellava la picchiavano. L’hanno picchiata talmente forte che alla fine l’hanno ammazzata di botte. Poco importava che fosse una parente, che fosse giovane, 23 anni, e madre di due figli piccoli, 3 e 5 anni.  L’uomo e la compagna, lui, egiziano, e fratello del marito di Gloria, l’altra cugina diretta della stessa vittima, la portavano quasi tutte le sere in un luogo vicino Nettuno, dove era costretta a vendere il suo corpo, poi l’andavano a riprendere per riportarla a casa.

Contavano i soldi che Gloria, vendendosi in strada, aveva incassato ed era riuscita a portare a casa. La sera del 23 agosto la vita-prigione di Gloria però finisce. Finisce a bordo di un’auto in un’area di sosta a ridosso di un hotel su via dei Monti Lepini, nel territorio di Prossedi, in provincia di Latina. Sul posto intervennero i carabinieri e il personale del 118, ma per Gloria ormai non c’era più nulla da fare. Uccisa da un’emorragia interna, conseguenza – stando all’autopsia – delle percosse. E scattarono le indagini degli investigatori dei carabinieri della Compagnia di Terracina e del Comando provinciale di Latina.

Come racconta Daniela Amenta su Globalist.it,

era orfana Gloria, cresciuta in un casa famiglia, finita a Frosinone. Il primo marito, rumeno, in carcere, il secondo un egiziano. E chissà se ha sperato in un miracolo, Gloria, quando sulla sua strada ha incontrato la cugina della madre, Loide Del Prete, 39 anni, e il suo compagno, di nazionalità egiziana, Saad Mohamed, 23 anni, fruttivendolo ad Anzio. Finalmente una quasi famiglia, finalmente qualcuno a cui lasciare i bambini, tutti sotto lo stesso tetto. E Saad fratello del nuovo amore di Gloria. Una fiaba”.

Gloria era stata costretta a prostituirsi per contribuire alle spese, e per lei era cominciato l’inferno. “Un ambiente familiare molto difficile”, conferma il capitano dei Carabinieri, che sottolinea che l’indagine è stata “molto complessa” proprio per questo motivo. La difficoltà iniziale era rappresentata dal fatto che non c’era alcuna denuncia pregressa di maltrattamenti. Erano i suoi familiari che ogni giorno la accompagnavano in auto da Frosinone alla Nettunense per vendersi. Quando lei provava a ribellarsi, la picchiavano. Come quell’ultima volta: le hanno fatto così male che le si è rotta una costola, che ha provocato la perforazione di fegato e milza. È morta per emorragia, su una piazzola di sosta di una strada provinciale.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other