Gole del Raganello, protezione civile: “Allerta ignorata”. Aperte inchieste

di Redazione Blitz
Pubblicato il 22 agosto 2018 21:06 | Ultimo aggiornamento: 22 agosto 2018 21:06
Gole del Raganello, allerta gialla ignorata: aperte inchieste

Gole del Raganello, protezione civile: “Allerta ignorata”. Aperte inchieste

COSENZA – L’allerta gialla diramata dalla protezione civile per le Gole del Raganello nel Parco del Pollino è stata ignorata. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] A dirlo è Angelo Borrelli, capo della protezione civile, che non lascia spazio a repliche: “Un’altra tragedia che non doveva esserci, c’era un’allerta gialla che prevede anche esondazioni improvvise”, ha detto. Intanto la procura di Castrovillari ha disposto il sequestro probatorio dell’area in cui sono morte 10 persone nel territorio del comune di Civita. Le ipotesi del fascicolo aperto contro ignoti sono omicidio colposo, lesioni colpose, inondazione e omissione d’atti d’ufficio.

Borrelli, dopo avere reso omaggio, assieme al presidente della Regione Calabria Mario Oliverio alle vittime e visitato i feriti e familiari nell’ospedale di Castrovillari (poi andrà anche a Cosenza), è arrivato in mattinata in paese e ha rincarato la dose: “Bisogna tenere conto delle allerta – ha sostenuto – che vengono diramate fosse una, dieci, cento volte”.

Davanti alle domande dei giornalisti ha glissato sul tema delle responsabilità: “ci sarà tempo – ha detto – e ci sono organi competenti che accerteranno”. Accuse alle quali i sindaci dei quattro comuni attraverso i cui territori scorre il Raganello non ci stanno. “No alla ricerca di capri espiatori, va cercata la verità”, dicono. E “definiscono una comoda giustificazione” il richiamarsi all’allerta gialla. “Non specifica i luoghi interessati” è il loro ragionamento, e comunque i comuni non hanno né risorse né mezzi.

La tragedia del Raganello, con il suo carico di dolore e morte, ha visto partecipe anche il Papa che, nell’udienza generale nell’aula Paolo VI, ha detto di affidare alla “Misericordia di Dio quanti sono drammaticamente scomparsi” manifestando “vicinanza” ai loro cari. Sul fronte delle indagini, dalla Procura di Castrovillari viene sottolineato che l’indagine è alle fasi iniziali. “Al momento – ha dichiarato il procuratore Eugenio Facciolla – si stanno acquisendo documenti”.

In parallelo va avanti l’azione di verifica amministrativa avviata dal prefetto di Cosenza su input del ministro dell’Ambiente Costa. Intanto, però, il termometro della polemica è orientato decisamente verso l’alto ed è stato il governatore calabrese, nel giorno del lutto regionale, con bandiere a mezz’asta negli uffici dell’ente e in quelli istituzionali, a stigmatizzare l’atteggiamento di chi “davanti ad una tragedia di questa portata che lascia un segno profondo ed esige silenzio e riflessione” ha agitato “polemiche strumentali”.

A Civita dove assieme a Borrelli e Oliverio si sono ritrovati anche il prefetto di Cosenza Paola Galeone, il questore Rossella Petrocchi, il capo della Protezione civile calabrese Carlo Tansi e i vertici delle forze dell’ordine, unanime è stato il plauso e il riconoscimento per l’efficienza e tempestività della macchina dei soccorsi.

A margine della riunione in municipio il sindaco, Alessandro Tocci, ha annunciato assieme ai colleghi degli altri comuni interessati all’area naturalistica, un piano sulla fruizione in sicurezza delle gole. Oggi, a quarantotto ore dalla tragedia che l’ha investita, l’area del Ponte del diavolo è apparsa quasi deserta. C’erano solo alcuni solitari camminatori, una famiglia statunitense che fa trekking, qualche giornalista e dei poliziotti. Non è stato visto nessuno, invece, nell’area direttamente interessata dalla tragedia.

Chiusi, o con zero avventori, i locali pubblici che si trovano sulla strada che conduce all’area. Immagini inedite, per il periodo, che cozzano con la voglia di ritorno alla normalità dei civitesi, non solo dei tanti operatori turistici cresciuti all’ombra di un piccolo miracolo economico. Nessuno è disposto a farsi facili illusioni. “Quanto accaduto – ha detto il titolare di un bar che dal pomeriggio di lunedì non ha mai abbassato le serrande – è stato un evento eccezionale. Adesso, pensando alle vittime e alla guida che era particolarmente esperta, l’auspicio è che non ci siano ripercussioni negative”.

In piazza, davanti alla chiesa, vicino all’edicola, la discussione è monotematica. Tra gli aspetti che accendono la discussione l’allerta gialla “quasi ogni giorno ne viene diramata una” – “chiedete al Padreterno se fa piovere meno” ha detto al mattino Borrelli a chi glielo ha fatto notare – ma anche la “deregulation” degli accessi: “In effetti – ha ammesso più di uno – si è forse esagerato”.