Grotta Fiat Lux, speleologo raggiunto dai soccorsi: sollevato a meno 170 metri

di Redazione Blitz
Pubblicato il 9 Agosto 2019 16:30 | Ultimo aggiornamento: 9 Agosto 2019 16:30
Speleologo grotta Fiat Lux

Speleologo intrappolato sulla grotta di Fiat Lux: il soccorso alpino (Foto ANSA)

TORINO – Esplosivo e corde per raggiungere e riportare in superficie lo speleologo rimasto bloccato nella grotta Fiat Lux, sul massiccio del Marguareis, nel pomeriggio dell’8 agosto. Gli uomini del soccorso alpino sono riusciti a far risalire lo speleologo dai 300 metri di profondità in cui era rimasto intrappolato, fino a 170 metri di profondità.

Il soccorso alpino ha fatto sapere che l’uomo che è stato soccorso ora riposando in una tenda attrezzata, sotto il continuo monitoraggio dei medici, che lo assistono dall’inizio del recupero. Nel frattempo, le prime squadre dei tecnici, al lavoro dalla sera di giovedì, si stanno avvicendando con nuove squadre fresche e stanno completando l’attrezzamento della parte alta della grotta per rendere più rapido il recupero quando le condizioni dello speleologo permetteranno di proseguire la risalita assistita.

Lo speleologo rimasto intrappolato nella grotta fa parte di un gruppo speleo di Grasse. Il soccorso alpino impegnato nelle operazioni di recupero sta utilizzando delle microcariche di esplosivo per allargare i cunicoli e far passare l’uomo, ferito ad un ginocchio, in barella. La grotta Fiat Lux dove lo speleologo si è infortunato, a 300 metri di profondità, è stata esplorata la prima volta solo cinque anni fa. (Foto ANSA)