Gruppo Facebook Dux Nobis: pagina chiusa, raffica di denunce

di redazione Blitz
Pubblicato il 18 maggio 2016 14:01 | Ultimo aggiornamento: 18 maggio 2016 14:01
Gruppo Facebook Dux Nobis: pagina chiusa, raffica di denunce

Gruppo Facebook Dux Nobis: pagina chiusa, raffica di denunce

GENOVA – Gruppo Facebook su Mussolini: denunciato un giovane di 35 anni di Bergamo. L’uomo è stato identificato e denunciato dalla polizia postale per apologia del fascismo dopo che nel suo gruppo  aveva inneggiato alla “rivoluzione del fascismo”.

La pagina di Facebook, denominata Gruppo Dux Nobis, è stata oscurata. Al gruppo si erano iscritte centinaia di persone su cui sono state avviate indagini allo scopo di verificare se hanno commesso reati legati allo stesso reato di apologia.

L’indagine è stata svolta dalla polizia Postale e delle Comunicazioni di Imperia in collaborazione con gli investigatori della Digos della stessa città. Malgrado una registrazione finalizzata a garantirsi l’anonimato, gli uomini della Postale sono riusciti a risalire al creatore del gruppo, poi appunto iscritto sul registro degli indagati per il reato di apologia del fascismo.

5 x 1000

La perquisizione dell’abitazione dell’uomo ha consentito di rinvenire e sequestrare materiale informatico con immagini dai contenuti riconducili ai regimi fascista e nazista. L’indagine è nata dal monitoraggio della rete per individuare illecite azioni attività di proselitismo concernenti iniziative di carattere razzista, xenofoba, sessuofobica o comunque ispirate a reati di odio. Determinante in questo caso anche la segnalazione alla Digos di un giornalista imperiese che si è ritrovato, a sua insaputa, inserito fra i simpatizzanti della pagina di Facebook incriminata.