Cronaca Italia

Gualtiero Marchesi è morto, addio al grande maestro della cucina italiana

gualtiero-marchesi

Gualtiero Marchesi

MILANO – Gualtiero Marchesi, chef italiano tra i più famosi al mondo, è morto a 87 anni nella sua casa di Milano, circondato dalle figlie Simona e Paola, dal genero Enrico e dai nipoti Guglielmo, Bartolomeo e Lucrezia. Lo chef era da tempo malato di tumore.

E’ stato il primo cuoco italiano a ottenere le tre stelle Michelin, nel 1985, un riconoscimento contro il quale poi si era ribellato, contestando il sistema di attribuzione dei punteggi. Lo fece nel 2008, con una conferenza stampa in cui sbottò: “Ora basta voti, accetterò soltanto commenti”. Dunque, nel 2004, aprì la scuola di formazione gastronomica più importante d’Italia, l’Alama, a Colorno, provincia di Parma. Pochi mesi fa ne lasciò il ruolo di Rettore per dedicarsi al progetto della Casa di riposo per cuochi, un altro sogno al quale teneva moltissimo.

Tra gli episodi più significativi della sua vita, la restituzione delle stelle Michelin. Nel 1993 Marchesi chiuse il ristorante di Milano per aprire, in Franciacorta, il locale Relais & Chateaux L’Albereta. Nel 1997 perse una delle tre stelle, che non avrebbe mai ripreso: “Poco male, a ogni stella che cade esprimo un desiderio”, commentò lo chef. E quando nel 2008 Marchesi tornò a Milano per aprire il ristorante Teatro alla Scala-Il Marchesino, rinunciò ai punteggi delle guide, tutte. In conferenza stampa disse di non volersi più “soggiogare al giochino dei punteggi: mi riprendo l’autunno come stagione creativa invece di agitarmi per le guide”.

Marchesi fu insignito del titolo di Cavaliere della Repubblica nel 1986.

 

To Top