Cronaca Italia

Guidonia, rom sul furgone Iveco scatena il panico: notte di guerriglia coi residenti

Guidonia, notte di guerriglia tra residenti e rom: sassi, barricate e box a fuoco

Guidonia, notte di guerriglia tra residenti e rom: sassi, barricate e box a fuoco

ROMA – Lancio di sassi, barricate in strada, e un box auto incendiato. Guerriglia a Guidonia, vicino Roma, dove nella notte tra martedì e mercoledì è scoppiata la tensione tra un centinaio di residenti e nomadi.

Un uomo di 31 anni, romano, è rimasto ferito da una sassata al volto, e si è presentato in ospedale. Medicato è stato dimesso con venti giorni di prognosi. Sul posto sono intervenuti carabinieri e polizia. Secondo quanto si è appreso, a far scattare la protesta degli abitanti di Albuccione, una frazione di Guidonia, sarebbero state alcune manovre azzardate compiute con un furgone Iveco da un nomade del vicino insediamento abusivo.

L’uomo alla guida del furgone, un bosniaco di 46 anni, si è poi dato alla fuga mentre un centinaio di abitanti del quartiere si sono riversati in strada per fronteggiare i rom. A scendere in strada anche gli abitanti della baraccopoli. I due schieramenti hanno quindi dato vita alla guerriglia usando alcuni sacchi contenenti pietre a formare delle vere e proprie barricate. Durante la guerriglia ha preso fuoco, probabilmente per cause dolose, anche un vicino box auto occupato abitualmente da nomadi.

Solo l’arrivo dei carabinieri della Compagnia di Tivoli, con l’ausilio degli agenti del reparto volanti e del commissariato di polizia di Tivoli ha riportato la calma.

Dopo aver messo in sicurezza i roghi è scattata la caccia al furgone che ha dato il via alle tensioni. Lo hanno trovato dopo sulla via Tiburtina. Nascosti nel furgone i militari hanno trovato anche una accetta, un manganello telescopico ed una noccoliera. Identificato in un cittadino della Bosnia del 1971, già noto alle forze dell’ordine. l’uomo alla guida è stato denunciato per possesso ingiustificato di arma.

 

 

 

To Top