Ha un tatuaggio, niente concorso di polizia: il Tar lo riammette

Pubblicato il 3 Marzo 2012 14:48 | Ultimo aggiornamento: 3 Marzo 2012 15:28

AGRIGENTO, 3 MAR – Un tatuaggio non e' motivo di esclusione dall'arruolamento nella Polizia penitenziaria. Lo ha deciso il Tar del Lazio accogliendo il ricorso di C. P., 28 anni, che aveva partecipato al concorso per 500 allievi, ma era stato escluso per un tatuaggio sull'avambraccio destro raffigurante due stelle di piccole dimensioni.

Il giovane, con il patrocinio dell'avvocato Girolamo Rubino, ha fatto ricorso al Tar del Lazio contro il ministero della Giustizia. La prima sezione del Tribunale amministrativo, presidente Elia Orciolo, relatore Michelangelo Francavilla, condividendo la censura formulata dalla difesa, secondo cui il tatuaggio puo' ritenersi causa di non idoneita' solo quando e' deturpante o rappresenta indice di personalita' abnorme, considerate anche le caratteristiche del tatuaggio riscontrato, ha annullato il provvedimento ministeriale.