Hacker su sito Regione Abruzzo: “Iraq sarà cimitero Italia”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 16 Novembre 2015 9:50 | Ultimo aggiornamento: 16 Novembre 2015 9:50
Hacker su sito Regione Abruzzo: "Iraq sarà cimitero Italia"

Hacker su sito Regione Abruzzo: “Iraq sarà cimitero Italia”

ROMA – “L’Iraq sarà il cimitero dell’Italia. Salutiamo la morte che vi attende per mano dei mujahedin dell’Iraq”. Il sito della Regione Abruzzo è in regolare funzione dopo che i tecnici informatici dell’ente Regione sono intervenuti per rimuovere le scritte pro-Isis che sono comparse, domenica pomeriggio, 15 novembre, sulla home page del sito.

La reazione dei tecnici informatici è stata molto rapida e precisa anche perchè a segnalare il tentativo di intrusione da parte di alcuni hacker sono stati gli stessi Carabinieri che, a loro volta, avevano ricevuto una dritta in merito a un tentativo di intrusione ai fini propagandistici.

Alle ore 14:30 di domenica 15 novembre il Comando provinciale dei Carabinieri di L’Aquila – nell’ambito di un’azione di monitoraggio continuo sui siti web istituzionali – ha rilevato sulla pagina del portale della Regione Abruzzo app.regione.abruzzo.it un messaggio della Moroccan Islamic Union, un gruppo di hacker che si rifà alle posizioni dell’Isis. Il messaggio, scritto in un inglese approssimativo, diceva: “L’Iraq sarà il cimitero dell’Italia. Salutiamo la morte che vi attende per mano dei mujahedin dell’Iraq”. Vera minaccia o un tentativo di diffondere terrore?