Hai una Volkswagen con diesel fuorilegge? Ecco cosa rischi

di Redazione Blitz
Pubblicato il 27 Settembre 2015 16:32 | Ultimo aggiornamento: 27 Settembre 2015 16:32
Hai una Volkswagen con diesel fuorilegge? Ecco cosa rischi

Hai una Volkswagen con diesel fuorilegge? Ecco cosa rischi

ROMA – Solo in Italia i motori diesel truccati dalla Volkswagen potrebbero essere circa un milione e il viceministro ai Trasporti Riccardo Nencini che ha annunciato controlli in corso al riguardo.  Ma chi dovesse circolare in Italia con una vettura dotata del turbodiesel incriminato nell’affare Volkswagen-Usa per il momento non rischia nulla.

E se mai dovessero essere rilevate irregolarità nella omologazione, la responsabilità ricadrebbe solo sul Costruttore. E’ quanto risulta da una serie di verifiche fatte a livello di Autorità interessate al problema e di esperti del settore. Va precisato, infatti, che se anche venisse contestata la non rispondenza delle emissioni a quelle richieste dalla Ue in seguito ad un controllo dinamico specifico – non ancora definito o programmato – la responsabilità resterebbe comunque a carico della Casa automobilistica.

E anche il viceministro dei Trasporti ha ribadito che i proprietari delle auto in questione “sono vittime di una truffa”. Per essere targata in Italia ogni auto deve essere omologata e nessuno può elevare – sempreché lo stato di manutenzione sia corretto e le emissioni siano dunque nei limiti dichiarati da costruttore – infrazioni o provvedimenti di sequestro fino a che (è una ipotesi remota) il Ministero dei Trasporti revochi questa omologazione.

Nessun problema dunque, almeno per ora, per una delle situazioni che stanno maggiormente preoccupando gli automobilisti italiani in questi giorni: quella dei blocchi della circolazione o dell’ingresso nelle ZTL. In tutti questi casi a far fede è la classificazione che compare sulla carta di circolazione. Dunque chi dovesse avere nella centralina che comanda l’iniezione del gasolio il software ‘segreto’ al momento può contare, in ogni caso, sul fatto che la vettura è formalmente rispondente ai requisiti di legge.

Dovrà essere il costruttore a impegnarsi in tempi brevi a fornire gli elenchi delle auto incriminate, a richiamarle per gli aggiornamenti gratuiti al software e, in caso limite, alla sostituzione dei motori o delle vetture. E in merito ad eventuali rivalse nei confronti della casa automobilistica, Nencini ha detto: “Vedremo. Dipende anche dal comportamento della Volkswagen”.

Tra l’altro è possibile, visti i differenti livelli di NOx richiesti negli Usa e nella Ue che il ‘malware’ non sia stato progettato per intervenire in Europa nei controlli sui banchi a rulli e che quindi le prove di omologazione siano a tutti gli effetti veritiere. Del resto negli Usa, dove un po’ di chiarezza è già stata fatta, l’Epa ha dichiarato ufficialmente che le auto interessate ‘non sono pericolose, possono circolare normalmente e possono anche essere vendute’..