I No Tav: “Andremo in massa a tagliare le reti”

Pubblicato il 18 ottobre 2011 20:33 | Ultimo aggiornamento: 18 ottobre 2011 20:47

TORINO, 18 OTT – ''Andremo in massa alle recinzioni abusive del non cantiere di Chiomonte, per darci un taglio'''': il movimento No Tav ribadisce l'obiettivo della manifestazione di domenica prossima in valle di Susa.

''Lo faremo – si legge in un documento pubblicato sul sito Notav.info – alla luce del sole e a volto scoperto, con le modalita' della nostra lotta: pacifica, determinata e popolare''.

Il significato dell'iniziativa e' materiale: ''dare un taglio a un cantiere che – afferma il movimento No Tav – sebbene finanziato dalla Ue, e' illegittimo ed e' solo un fortino militare che ci costa 90 mila euro al giorno''.

Ma c'e' anche una valenza simbolica: ''dare un taglio ai soldi pubblici spesi per un'opera che – scrivono i No Tav – abbiamo dimostrato inutile in tutto modi, un taglio a chi vorrebbe accrescere un debito pubblico che non siamo disposti a pagare''.

''Vedrete ancora una volta – prosegue il documento – il vero volto del movimento No Tav, un movimento maturo che lavorera' per non offrire pretesti per altre interpretazioni, ci pensano gia' altri a screditarci''.