Cronaca Italia

Ignazio Cozzoli, ex consigliere comunale Roma arrestato. L’accusa: “Con altri 7 intascava fondi Invitalia”

Ignazio-Cozzoli-arrestato-corruzione

Ignazio Cozzoli, ex consigliere comunale Roma arrestato: con altri 7 intascava fondi Invitalia

ROMA – Intascavano fondi pubblici da Invitalia: questa l’ipotesi alla base di un blitz anti-corruzione in corso a Roma dalle prime ore di giovedì 12 ottobre. Otto persone sono state arrestate con l’accusa di far parte di un’associazione a delinquere finalizzata alla corruzione e alla truffa aggravata per il conseguimento di finanziamenti pubblici. Tra loro anche un’ex consigliere comunale, Ignazio Cozzoli, eletto nelle file della Lista Marchini poi passato al Gruppo misto, e decaduto nel marzo scorso dopo il riconteggio delle schede che ha assegnato il seggio al Pd, lasciando il posto alla consigliera dem Giulia Tempesta.

Insieme ad altre 7 persone, Cozzoli è indagato per i reati di associazione a delinquere finalizzata alla commissione di una molteplicità di truffe aggravate per il conseguimento di erogazioni pubbliche, corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio, rivelazioni ed utilizzazioni di segreti d’ufficio.

Gli altri sette posti agli arresti domiciliari sono Emanuele Rigantè, 45 anni, Massimiliano Portaleone, 50 anni; Filippo Marullo, 49 anni; Riccardo Solfanelli, 48 anni; Francesco Capoccia, 41 anni; Silvia Pronti, 30 anni e Luigi Napoli, 45 anni. Quest’ultimo, dipendente di Invitalia – Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa di proprietà del Ministero dell’Economia, è indagato anche per il reato di accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico con l’aggravante di rivestire la qualifica di pubblico ufficiale. Una serie di perquisizioni stamani anche nella sede di Invitalia.

To Top