Igor il russo, caccia ai complici: un trafficante di droga, un “postino” e i falsari

di Redazione Blitz
Pubblicato il 16 dicembre 2017 11:02 | Ultimo aggiornamento: 17 dicembre 2017 12:01
igor-russo

Igor il russo, ora è caccia ai complici: i nomi nel mirino

BOLOGNA – E’ tra Spagna, Austria, Francia e Ungheria che, secondo gli investigatori italiani, si annidano i complici che hanno coperto per 8 mesi la fuga del serbo Norbert Feher, alias Igor il Russo.

A fornire informazioni durante la caccia al killer di Budrio, come riporta Il Corriere della Sera, erano soprattutto suoi ex compagni di cella. Intanto 500-600 persone, in diversi Paesi, venivano monitorate nella speranza di arrivare al più presto a lui. E, da come è stato ricostruito, alla famiglia in Serbia il fuggitivo ha sempre avuto modo di far arrivare notizie di sé. Fine della corsa proprio in Spagna, il Paese dove – come aveva raccontato agli inquirenti chi lo aveva conosciuto bene in prigione – aveva sempre detto di voler vivere.

In Spagna, tra Valencia e Madrid, Igor il Russo c’era già stato. “Cercatelo lì”, era l’invito di chi sapeva. E da mesi i carabinieri erano nella penisola iberica. Secondo la ricostruzione del quotidiano, inoltre, erano di Valencia le due ragazze alle quali il killer scriveva dal carcere nei suoi otto anni di detenzione per rapina. Nel 2016 Igor stesso postava su uno dei suoi profili Facebook foto a Valencia con la didascalia “Casa dolce casa”. Viveva in Spagna una cubana, suo punto di riferimento. Da ultimo all’aeroporto di Madrid, un mese fa, un testimone segnalò la sua presenza ai familiari di una delle vittime del Ferrarese. Infine, Igor si era procurato un nuovo importante contatto: un grosso trafficante di droga che vive a Malaga, fa la spola fra l’Italia e la Spagna e ha come guardiaspalle alcuni serbi.

A Vienna, in Austria, vivrebbero amici serbi d’infanzia. Uno, in particolare, in questo periodo avrebbe fatto il “postino”, consegnando i messaggi che riceveva su Whatsapp alla famiglia di Igor in Serbia.

Una pista sulle tracce dei fiancheggiatori di Igor il russo porta in Francia. Qui il killer sarebbe stato molto vicino a un gruppo di falsari di documenti e passaporti, finito anche in carcere più volte con pesanti condanne.

Anche in Ungheria è stata ipotizzata una rete di contatti riconducibile a Igor e ai suoi parenti in Serbia, ma non è stata avviata la rogatoria internazionale per portare avanti, come invece accade in Spagna, Serbia, Austria e Francia, attività di indagine.

 

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other