Ikea Bari: sciopero massiccio ma punto vendita resta aperto grazie agli interinali

di Redazione Blitz
Pubblicato il 11 Giugno 2015 20:15 | Ultimo aggiornamento: 11 Giugno 2015 20:15
Ikea Bari: sciopero massiccio ma punto vendita resta aperto grazie agli interinali

Foto d’archivio

BARI – “Ikea non vuole cancellare le maggiorazioni festive e domenicali, ma solo discutere su come renderle più eque per tutti (oggi alcune sono al 130% mentre altre al 30%), e su come ripartire meglio le presenze”. Lo sottolinea in un comunicato l’azienda dopo le otto ore di sciopero decise per la giornata di giovedì dai lavoratori di Ikea Bari aderenti a Cgil, Cisl e Uil per sollecitare l’azienda a rispettare il contratto integrativo.

Il vertice aziendale vuole rivedere tre punti: le maggiorazioni domenicali, festive e quelle previste per le domeniche natalizie, il premio aziendale, il premio di produzione, che varia a seconda degli obiettivi fissati nei singoli negozi territoriali. “Per Ikea – si legge nella nota – i propri collaboratori sono la risorsa più importante. Da sempre ne rispetta i diritti e vuole continuare ad offrire loro condizioni di lavoro ed economiche migliori rispetto al mercato esterno. E questo è dimostrato dalla storia dei nostri 26 anni di presenza in Italia”.

Ma nonostante un’adesione dell’80% il negozio di Bari ha continuato a funzionare: hanno lavorato capi reparto, interinali e anche i dipendenti a tempo determinato. A denunciarlo la Filcams Cgil, uno dei sindacati che ha promosso la protesta. “Hanno fatto un corso accelerato per cassieri la sera prima”, spiega Barbara Neglia, segretaria provinciale della Filcams di Bari. “La cosa grave è che, contravvenendo alla normativa sullo sciopero, hanno richiamato dal riposo i dipendenti a tempo determinato”.