Immigrati/ Qualcuno torna indietro, sono i migliori che se ne vanno: le badanti

Pubblicato il 29 maggio 2009 15:52 | Ultimo aggiornamento: 29 maggio 2009 17:05

Cresce il numero degli stranieri immigrati in Italia che scelgono, più per forza che per amore, di rientrare nella loro patria. I numeri forniti da Eurostat parlano chiaro: nel 2009 perderanno il posto 38.522 immigrati regolari, di cui 24.486 al Nord, mentre il numero degli stranieri a rischio lavorativo è di 142.218.

La nuova tendenza è dovuta alla crisi economica, con i datori di lavoro che non possono più permettersi di pagare un numero troppo alto di dipendenti, ne fanno spesa i lavoratori stranieri. Ma oltre a muratori, operai ed imbianchini, sono le colf e le badanti a rappresentare il numero più alto di stranieri pronti a tornare in patria.

Nel Veneto gli stranieri che vanno via sono già il 10% (4.000 le donne dell’est europa). Come dichiara Dino Pisolato, direttore della Caritas di Venezia, «le famiglie italiane non ce la fanno più a pagare lo stipendio ad una badante, quindi stringono i denti e provvedono da sole: le immigrate, rimaste quindi senza lavoro tornano nel loro Paese, perchè il primo passo di uno straniero rimasto senza occupazione è quello di rispedire la famiglia in patria».