Immigrati, la Cgil: “Chiudere gli attuali Centri di accoglienza”

di redazione Blitz
Pubblicato il 22 Dicembre 2013 16:08 | Ultimo aggiornamento: 22 Dicembre 2013 16:09
Immigrati, la Cgil: "Chiudere gli attuali Centri di accoglienza"

Il Cie di Ponte Galeria a Roma

ROMA – “Bisogna chiudere gli attuali Centri di accoglienza immigrati, inefficaci anche rispetto all’obiettivo delle identificazioni ed espulsioni, e costruire un vero sistema di accoglienza con strutture articolate e differenziate rispetto alle diversità delle situazioni e dei bisogni”. Così il segretario nazionale della Cgil, Vera Lamonica, dopo la protesta choc al Centro di accoglienza immigrati di Ponte Galeria a Roma.

“Sanno tutti che le proteste da tempo sono tante e disperate: se alcuni immigrati giungono ad atti di autolesionismo atroce come quelli di Ponte Galeria, vuol dire che non ci sono neanche canali per far uscire all’esterno le normali e quotidiane proteste, perché nessuno presta ascolto”, prosegue Lamonica che chiede di

“cancellare la possibilità della detenzione amministrativa per ben 18 mesi, un carcere comminato senza l’intervento di un giudice, senza nessuna garanzia di difesa, senza neanche le normali tutele previste nell’ordinamento carcerario. Bisogna cambiare totalmente l’approccio sui temi dell’immigrazione a partire dalla cancellazione della Bossi-Fini e del reato di immigrazione clandestina”.