Immigrato irregolare si inventa sei nomi: non può essere espulso

di Alessandro Avico
Pubblicato il 31 Luglio 2019 12:22 | Ultimo aggiornamento: 31 Luglio 2019 12:22
immigrato irregolare espulso

Foto d’archivio Ansa

MILANO – Si inventa sei nomi. Immigrato irregolare non può essere espulso. L’uomo, che secondo quanto riporta l’Ansa è un gambiano di 33 anni, è irregolare sul territorio nazionale dal 2016 cioè da quando è scaduto il suo permesso di soggiorno ottenuto come richiedente asilo nel 2014. Ha precedenti per spaccio, furto, resistenza a pubblico ufficiale, porto d’armi, ricettazione e lesioni. Nel 2015 è stato persino emesso un divieto di dimora e nel 2017 si registra una sua scarcerazione.

Il giovane è stato fermato in un parco milanese. Dopo un processo per direttissima, all’uomo è stato imposto un nuovo divieto di dimora. “Quella che oggi arriva da Milano è una storia che vorremmo far leggere alle Boldrini, ai Saviano, alle Carole, ai Majorino, a tutti quelli che nei precedenti cinque anni di Governo tiravano fuori la storiellina del ‘poveretti accogliamoli, sono profughi che scappano dalla guerra‘”, ha commentato il deputato della Lega, Paolo Grimoldi.

Ora l’Ufficio immigrazione della questura è al lavoro per organizzare una nuova espulsione. Ma le troppe identità del 33enne rendono il processo molto difficile: non c’è infatti un Paese che lo ha riconosciuto e quindi disposto a riceverlo. (Fonte Ansa).