Otranto: intercettata barca a vela con 60 migranti afghani e iraniani

Pubblicato il 20 luglio 2010 10:26 | Ultimo aggiornamento: 20 luglio 2010 10:28

Un gruppo di 60 immigrati clandestini afghani e iraniani stipati all’interno di una barca a vela di oltre 16 metri è  stato individuato dalla guardia di finanza durante un servizio di pattugliamento al largo di Otranto. La barca, su cui viaggiavano stipati sottocoperta anche 14 bambini anche piccolissimi e 15 giovani donne, è stata bloccata nella notte tra lunedì 19 e martedì 20 luglio ad un miglio dalla costa di Porto Badisco.

A fare scattare i controlli è stato il basso livello della linea di galleggiamento dell’imbarcazione. I finanzieri hanno arrestato due cittadini turchi di 37 e 27 anni che erano a bordo perché sospettati di essere gli scafisti. Gli altri immigrati, visibilmente provati dal viaggio che sarebbe durato cinque giorni e cominciato in un porto della Turchia, sono stati soccorsi ed accompagnati ad Otranto dove dopo i primi controlli medici, i sanitari hanno disposto il ricovero d’urgenza per quattro donne. L’imbarcazione, dotata di otto posti letto, e’ stata sequestrata ed e’ ora ormeggiata nel porto di Otranto.