Imperia: dà fuoco a sala scommesse ma muore bruciato

di Redazione Blitz
Pubblicato il 2 Novembre 2015 8:33 | Ultimo aggiornamento: 2 Novembre 2015 8:33
Imperia: dà fuoco a sala scommesse ma muore bruciato

Imperia: dà fuoco a sala scommesse ma muore bruciato

IMPERIA – Insieme a due complici ha cercato di realizzare un attentato incendiario ai danni di una agenzia di scommesse. Ma in quell’attacco è morto lui,  un ragazzo di 19 anni di origini albanesi.  Il giovane è morto mentre con due complici stava portando a termine un attentato incendiario ai danni di una sala scommesse a Imperia Oneglia.

Secondo una prima ricostruzione l’esplosione è stata innescata da una delle taniche di benzina utilizzate dagli attentatori. Ferito uno dei due complici. Sul posto sono subito intervenuti i Vigili del fuoco e le forze dell’ordine. Troppo tardi, però, per salvare il diciannovenne. La palazzina sovrastante la sala scommesse è stata evacuata per precauzione.

E’ invece in gravi condizioni il complice del ragazzo albanese. Un terzo ragazzo albanese è stato sottoposto a fermo di identificazione ma non indagato di delitto: non è escluso che possa essere il terzo complice dell’attentato.  La polizia, nelle prime ore del mattino di lunedì 2 novembre (l’incidente è avvenuto attorno alle tre) ha interrogato alcune persone a partire dai proprietari della sala scommesse e sentendo alcuni testimoni dell’accaduto mentre i vigili del fuoco stanno terminando i sopralluoghi per determinare le cause dell’esplosione e lì’agibilità della palazzina che resta evacuata. Gli inquirenti non escludono che la matrice dell’ìattentato sia riconducibile alla criminalità organizzata.