Inchiesta vip, Corona deve trovarsi un lavoro per evitare il carcere

Pubblicato il 5 Dicembre 2011 19:08 | Ultimo aggiornamento: 5 Dicembre 2011 20:54

MILANO – Fabrizio Corona deve trovare un lavoro (entro un mese), che gli permetta di ottenere l’affidamento in prova ai servizi sociali e di evitare il carcere. Il sostituto pg di Milano, Antonio Lamanna, ha inviato infatti all’agente dei vip l’ordine di esecuzione pena per la condanna definitiva nel caso dei presunti ‘fotoricatti’ ai danni dei vip.

Alla condanna per i ‘fotoricatti’ cui si sommano due patteggiamenti. Pene definitive per un totale di 2 anni e 8 mesi circa. Corona ha 30 giorni di tempo per chiedere l’affidamento in prova, su cui decidera’ il Tribunale di sorveglianza.

Il legale di Corona, l’avvocato Giuseppe Lucibello, ha detto che per chiedere l’affidamento in prova ai servizi sociali, a Fabrizio Corona basterà dimostrare, con tanto di dichiarazione dei redditi, che sta già lavorando per la sua societa’. Lucibello ha anche spiegato che poi spettera’ al Tribunale di Sorveglianza di Milano, quando fissera’ l’udienza, stabilire le modalita’ e il tipo di lavoro per svolgere l’affidamento in prova.

Corona, dunque, che ha ricevuto nei giorni scorsi il decreto della Procura generale di Milano, ha trenta giorni di tempo per presentare la domanda, per la quale e’ sufficiente, come ha spiegato il suo legale, il lavoro che gia’ ha. ”E’ infatti amministratore unico della sua societa”’, ha aggiunto Lucibello.

Una volta inoltrata la domanda, i giudici della Sorveglianza dovranno fissare un’udienza e decidere sulla richiesta di affidamento in prova, stabilendo, in caso di ‘via libera’, quale attivita’ dovra’ svolgere Corona. Una scelta su cui anche la difesa di Corona potra’ ‘incidere’, avanzando proposte.