Strage sulle montagne di Cuneo, auto fuori strada: morti conducente e 4 ragazzi tra 11 e 16 anni

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 Agosto 2020 8:19 | Ultimo aggiornamento: 12 Agosto 2020 8:26
Incidente Cuneo, Ansa

Strage sulle montagne di Cuneo, auto fuori strada: morti conducente e 4 ragazzi tra 11 e 16 anni (foto Ansa)

Drammatico incidente a Cuneo: un’auto finisce fuori strada, morti il conducente e altri quattro ragazzi di età compresa tra gli 11 e i 16 anni.

Drammatico incidente nella notte a Castelmagno, in alta Valle Grana, nelle Alpi Cozie meridionali della provincia di Cuneo.

In prossimità del rifugio Maraman, lungo la strada per monte Crocette, un Land Rover Defender 130, per cause ancora da accertare, è uscito fuori strada.

Cinque le vittime accertate dai Vigili del fuoco, sul posto con Carabinieri, 118 e Soccorso alpino.

Con il conducente di 24 anni sono morti altri quattro giovanissimi tra gli 11 e i 16 anni. Quattro i feriti, due in gravi condizioni, anche loro giovani.

La prima ricostruzione

Avevano trascorso a serata all’Alpe Chastlar, a guardar le stelle da uno dei punti più panoramici dell’alta Valle Grana, nel Cuneese.

Villeggianti in borgata Chiotti, i ragazzi si erano trovati in piazza e hanno deciso di trascorrere la serata insieme.

Al ritorno il conducente del fuoristrada, forse per una manovra sbagliata o per una distrazione, è uscito di strada finendo nel precipizio.

L’incidente è avvenuto intorno alla mezzanotte. 

Secondo le prime informazioni, tutti gli occupanti sono stati sbalzati fuori dall’abitacolo del fuoristrada, finito a circa 200 metri dalla sede stradale.

Le giovani vittime sono tutte della provincia di Cuneo ed è probabile che si trovassero in alta Valle Grana in villeggiatura con le famiglie.

Alcuni famigliari, sempre secondo quanto si apprende, sono arrivati sul luogo dell’incidente dopo pochi minuti. Castelmagno è un comune di 61 abitanti in cima alla Valle Grana, a circa 1.150 metri di altitudine.

Il rifugio escursionistico Maraman si trova ai piedi dei monti Crosetta e Tibert. (Fonte: Ansa).