Incidente a Mandello: pendolari sul treno 6 ore per fare 130 km

di redazione Blitz
Pubblicato il 28 novembre 2017 17:03 | Ultimo aggiornamento: 28 novembre 2017 17:03
Incidente-treni-ritardo

Incidente a Mandello: pendolari sul treno 6 ore per fare 130 km

SONDRIO – Gravi disagi al traffico ferroviario, lunedì sera, sulla linea Sondrio-Milano a seguito di un tragico incidente. Il corpo di una donna, di origini moldave è stato rinvenuto sui binari a Mandello, all’altezza della galleria San Giorgio. Per i pendolari è cominciato un calvario lungo sei ore: il treno, partito alle 20.40 da Sondrio è arrivato a Milano Centrale solo alle 3 di notte.

Giorgio Nana, segretario provinciale di Filt Cgil, è intervenuto in difesa dei viaggiatori, costretti ad aspettare l’arrivo del magistrato e tutti i sopralluoghi del caso, invece di essere dirottati su linee sostitutive. Sul posto sono intervenuti gli uomini della Polizia ferroviaria, i vigili del fuoco, i carabinieri e l’ambulanza.

Spazientiti per la lunga attesa i viaggiatori si sono rivolti al sindacalista. Come riporta il quotidiano Il Giorno:

«Hanno investito una persona tra Mandello e Abbadia, ci hanno fatti scendere dal treno, andiamo con un pullman», scrive qualcuno all’alba delle 22.40. Ancora, messaggio delle 2.57 di notte, «Siamo arrivati alla stazione Centrale, è una vergogna: sei ore di viaggio per fare 130 chilometri».

E poi: «Siamo a casa, abbiamo dovuto aspettare il pullman di notte perché a mezzanotte la metro chiude». Inconveniente chiama inconveniente. «Nessuno ha la bacchetta magica e un po’ di disagio era da mettere in conto – aggiunge Nana – Ma tener fermi oltre cento viaggiatori per più di tre ore a Mandello lo riteniamo un comportamento da dilettanti allo sbaraglio. Gente che gestisce un servizio pubblico mettendo quotidianamente a disagio migliaia di utenti».

Dal canto suo Trenord ha fatto sapere che i tempi di ripristino della circolazione dipendono dalla durata degli accertamenti o, comunque, dalle disposizioni delle forze dell’ordine. Quanto ai bus sostitutivi, l’azienda ha detto di averli richiesti, ma la richiesta non è andata a buon fine. Non erano al momento disponibili.