Due incidenti in Autosole: padre e figlio morti carbonizzati

di redazione Blitz
Pubblicato il 30 agosto 2018 0:51 | Ultimo aggiornamento: 30 agosto 2018 0:51
Due incidenti in Autosole: padre e figlio morti carbonizzati

Due incidenti in Autosole: padre e figlio morti carbonizzati (foto Ansa)

ORVIETO (TERNI)  –  Due incidenti con tre morti mercoledì 29 agosto sulla carreggiata nord dell’Autosole tra Orvieto e Fabro, in Umbria. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] In entrambi i casi sono divampate le fiamme che hanno interessato i mezzi coinvolti.

Nel tratto interessato dagli incidenti, verso nord e in direzione sud, si sono formate code di diversi chilometri legate alle operazioni di spegnimento delle fiamme e al ripristino della sede stradale. Personale della società Autostrade e volontari della protezione civile di Orvieto hanno provveduto a distribuire acqua agli automobilisti bloccati, prestando loro assistenza.

Nella mattinata di mercoledì un giovane padre di 33 anni e il figlio di dieci anni, originari di Caiazzo (Caserta), sono morti nella loro auto con la quale erano diretti a Genova per sottoporre il bimbo a una visita medica. La moglie dell’uomo deceduto e madre del piccolo, che viaggiava sul sedile anteriore del passeggero, è invece riuscita ad uscire dall’abitacolo con l’aiuto di una pattuglia della stradale subito intervenuta sul posto. La donna ha riportato lesioni giudicate guaribili in 60 giorni ed è ricoverata all’ospedale di Orvieto.

Secondo quanto accertato dalla polizia stradale l’auto sulla quale i tre viaggiavano è stata trascinata per alcuni metri dal semirimorchio di un autoarticolato che la precedeva, venendo poi scagliata contro il new jersey centrale in metallo. Potrebbero essere state le scintille provocate dal forte urto, insieme alla rottura dei serbatoi di entrambi i mezzi, a causare il rogo che non ha lasciato scampo alle due vittime. Oltre all’auto coinvolta è andato distrutto tra le fiamme anche il mezzo pesante, che trasportava pasta.

Quest’ultimo si è ribaltato dopo aver sbandato e agganciato la vettura. Il conducente del mezzo pesante, un camionista bulgaro, è stato poi arrestato con l’accusa di omicidio plurimo colposo. Il provvedimento è stato disposto la polizia stradale vista la gravità del fatto.

Nella serata di mercoledì nella tessa zona si è poi verificato un nuovo incidente nel quale una persona è morta e due sono rimaste ferite. Un tamponamento avvenuto poco lontano dall’area dell’altro scontro dove il traffico era rallentato per gli interventi di ripristino della sede stradale. Coinvolti tre mezzi pesanti, due dei quali si sono incendiati, e un’auto. Su quanto successo sono in corso accertamenti della polizia stradale. Sul tratto nord dell’Autosole è stata quindi istituita l’uscita obbligatoria a Orte mentre sulla carreggiata sud il traffico è stato bloccato a causa del fumo e per le operazioni di spegnimento.