Indesit. Lavoratori di Fabriano messi in libertà, azienda in fermo produttivo

di Redazione Blitz
Pubblicato il 28 Giugno 2013 13:11 | Ultimo aggiornamento: 28 Giugno 2013 13:11
Indesit. Lavoratori di Fabriano messi in libertà, azienda in fermo produttivo

Indesit. Lavoratori di Fabriano messi in libertà, azienda in fermo produttivo (Foto Ansa)

ANCONA – I lavoratori degli stabilimenti Indesit di Fabriano sono stati messi in libertà dall’azienda. La Indesit Company ha poi annunciato il fermo produttivo fino al 2 luglio a causa degli scioperi, scattati dopo la presentazione del piano di ristrutturazione. In un comunicato congiunto Fiom, Fim e Uilm accusano Indesit di ”comportamento antisindacale”. Ed è proprio a causa degli scioperi che la Indesit ha annunciato lo stop degli stabilimenti di Melano e Albacina, spiegando che “è impossibile approvvigionare correttamente le linee produttive”.

In una nota la Indesit dichiara: “A seguito delle modalità utilizzate nell’esercizio del legittimo diritto di sciopero e dei blocchi delle merci attuati agli ingressi, è risultato impossibile approvvigionare correttamente le linee produttive. Per tale motivo, Indesit Company si vede costretta a effettuare il fermo produttivo dello stabilimento di Albacina (e Melano ndr), dalle 12 fino al termine dei turni lavorativi per il giorno 28/6. L’attività lavorativa riprenderà normalmente il giorno 2/7”.

Subito dopo l’annuncio, tutti gli operai sono usciti fuori dalle fabbriche, per iniziative di lotta ”esterne”. I sindacati parlano di “comportamento antisindacale” e si riservano di denunciare l’azienda mentre gli operai scendono in strada.