Indiano picchia moglie: era uscita senza il suo permesso

di Redazione Blitz
Pubblicato il 13 Dicembre 2013 17:38 | Ultimo aggiornamento: 13 Dicembre 2013 17:38
Indiano picchia moglie: era uscita senza il suo permesso

Indiano picchia moglie: era uscita senza il suo permesso

CAGLIARI, 13 DIC – Era uscita di casa per portare a passeggio la figlia senza chiedere il permesso: per questa “colpa” è stata punita dal marito, un indiano, che l’ha picchiata selvaggiamente.

LEGGI ANCHE –> Picchia la moglie e le mette la testa nel water. Arrestato

Riporta l’agenzia Ansa:

“Un cittadino indiano è stato arrestato dalla Polizia per maltrattamenti in famiglia e adesso si trova ai domiciliari dopo il processo e la condanna a tre anni e sei mesi comminata questa mattina in Tribunale a Cagliari. L’uomo è stato bloccato ieri sera alle 18 in via Roma.

La moglie ha chiamato in lacrime il 113 dicendo di essere stata picchiata. Quando gli agenti l’hanno soccorsa tremava e diceva che il marito l’aveva colpita con schiaffi e pugni e trascinata con forza per i capelli.

Ad innescare la lite e la violenza del consorte, il mancato rispetto di un ordine preciso: la donna era uscita di casa senza chiedere il permesso.

I poliziotti le hanno chiesto i documenti, ma lei non li aveva. Il marito li aveva requisiti e li teneva chiusi, insieme alle chiavi di casa, in una valigetta.

Dai successivi accertamenti è emerso che l’episodio di ieri è solo l’ultimo di una lunga serie.

I carabinieri, incaricati dalla Procura su segnalazione dei servizi sociali, avevano già avviato una serie di verifiche. A quanto pare l’uomo avrebbe fatto vivere alla moglie una vita da incubo con continue botte e pressioni psicologiche.

Un inferno che secondo gli investigatori sarebbe legato alla nascita di una figlia femmina, mentre lui pretendeva un maschio. Ma non solo: si starebbe anche valutando l’accusa di inottemperanza agli obblighi familiari e mancanza di sostentamento alimentare.

Non si può escludere, quindi, che nei confronti dell’indiano scattino altri provvedimenti. La vittima dell’aggressione, nonostante accusasse diversi dolori, ha rifiutato di farsi visitare in ospedale perché non aveva il permesso del marito e temeva altre ripercussioni”.