Sangue nel mondo dell’ippica sarda: tre cavalle uccise a colpi di fucile a Benetutti (Sassari)

Giulia Cerasi*
Pubblicato il 25 Novembre 2010 14:52 | Ultimo aggiornamento: 25 Novembre 2010 14:52

Un nuovo agguato nell’ambiente dell’ippica sarda. Tre cavalle sono state ammazzate con un colpo di fucile a Benetutti, in provincia di Sassari, nell’azienda di proprietà dell’allevatore Mario Tanda la scorsa domenica. Ancora ignoto il movente ma, secondo il proprietario, la strage potrebbe essere ricondotta al mondo delle corse.

“Le hanno ammazzate per gelosia, magari perché il figlio di una delle fattrici si è classificato molto bene alle regionali. Non può esserci nessun altro motivo. Io non ho mai ricevuto minacce e non ho idea di chi possa essere stato”, ha dichiarato Tanda all’Unione Sarda.

Mario Tanda, 30 anni, ricorda le tre cavalle che vivevano nell’azienda di Pira Trunca, alle porte del paese: una puledra di un anno e mezzo e due fattrici adulte. “Le abbiamo trovate ieri (lunedì 22 novembre, ndr) pomeriggio. Io le avevo lasciate al pascolo, così come i due maschi che, però, sono ancora vivi. Ucciderli tutti non deve essere una cosa facile”.

L’agguato di domenica arriva a solo una settimana dal massacro all’Ippodromo Pinna di Sassari, dove sette purosangue da corsa sono stati uccisi con un colpo di pistola calibro 22. Le cavalle di Mario Tanda, al contrario, non correvano in pista ma erano tre femmine di razza anglo-araba che facevano il salto agli ostacoli, ma il loro valore era comunque alto.

Gli animali, infatti, erano fattrici che davano vita a campioni, e forse proprio per la fama di uno dei puledri nati a Pira Trunca è stato messo a segno l’agguato di domenica notte. Su questa e su altre ipotesi stanno indagando i carabinieri della compagnia di Bono, guidati dal capitano Giampiero Lampis. Per l’assassino è stato facile compiere la strage: le cavalle non stavano chiuse in una stalla o in un box, ma pascolavano liberamente nei terreni di proprietà di Tanda, protette solo da una rete che si chiude con un giro di filo spinato.

*Scuola di Giornalismo Luiss