A Ischia la mamma più giovane d’Italia: 13 anni per il primato nazionale delle mamme-bambine

Pubblicato il 3 Novembre 2010 13:14 | Ultimo aggiornamento: 3 Novembre 2010 13:14

Una ragazza ha dato alla luce una sana bambina che pesa 4 chili e gode di ottima salute all’ospedale Rizzoli di Lacco Ameno, Ischia. Cosa c’è di tanto particolare in un parto affinché a parlarne sia il Corriere del Mezzogiorno? Sicuramente evento lieto per la famiglia, il parto gode di un primato nazionale particolare: la ragazza con i suoi 13 anni è poco più che una bambina.

Non è certo il primo caso di mamme-bambine in Italia: nel 2008 a Brescia fu la volta di una 12enne di origine serba e nella primavera del 2010 di un’altra 12enne a Lecco, ma la differenza tra queste gravidanze precoci, risultato di violenze e abusi sessuali in famiglia, e quella di Ischia sta nella storia.

Noemi, questo è il nome della bambina nata lo scorso lunedì, non è il frutto di una violenza, ma di un amore vero, seppur precoce, tra Giovanna e Francesco, 16 anni, che due mesi fa si sono uniti in matrimonio con rito civile e che ora vivono con i rispettivi genitori nel comune di Forio.

La nascita della bambina è stata vissuta con gioia dai nonni, che non mostrano preoccupazione per il futuro dei giovani genitori, tanto che Pasquale, nonno materno di 49 anni, ha affermato: “La piccola è stata regolarmente riconosciuta dal padre, che la ha dato il suo cognome. E affidata a mia moglie. Noemi crescerà a casa nostra. Certo ci siamo noi e i genitori di Francesco a sostenere i ragazzi che devono imparare a fare la mamma e il padre. – e poi ha aggiunto – Ci siamo noi. Abbiamo anche case di proprietà affittate sull’isola. Non ci manca la tranquillità, insomma”.

Sebbene quella di Forio sia una piccola comunità, dove generalmente nulla sfugge alle voci di paese, la gravidanza di Giovanna è passata inosservata, tanto che il sindaco Franco Regine ha dichiarato di non esserne a conoscenza ed ha commentato così il lieto evento: “Sono contento per la scelta fatta dai genitori che non hanno inteso rinunciare alla bambina. Gli auguro ogni bene e soprattutto di poter crescere più in fretta, visto che a quest’età abitualmente non si affronta la responsabilità di essere genitore. Spero ed auspico che questo processo possa subire l’accelerazione che occorre per poter garantire un’esistenza serena e gioiosa alla neonata”.

Nell’ultimo anno le storie di giovanissimi genitori non sono certo mancate, basta pensare al caso del Sussex riportato dal Sun, dove una coppia di ragazzi appena adolescenti, 15 anni lei e 13 anni lui, ha dato alla luce un bambino. Anche la Spagna ha fatto parlare in questi giorni con il caso di Jerez, dove martedì 2 novembre una bambina di 10 anni ha partorito. Tirando le somme delle gravidanze precoci il Sun ha riferito che in Gran Bretagna sono 15 i casi accertati di gravidanze in bambine di 10 anni e 39 quelli in bambine di 11, mentre in Spagna nell’ultimo anno le mamme-bambine con meno di 15 anni sono state 48.