Ischia, sotto le macerie del terremoto tre casseforti: e gli avvoltoi…

di Redazione Blitz
Pubblicato il 22 agosto 2018 14:58 | Ultimo aggiornamento: 22 agosto 2018 14:58
Ischia, sotto le macerie del terremoto tre casseforti: e gli avvoltoi...

Ischia, sotto le macerie del terremoto tre casseforti: e gli avvoltoi…

ROMA – A 12 mesi dal terremoto, la ricostruzione a Ischia non è ancora cominciata. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] Un anno dopo a far notizia è appunto l’anniversario, per cui sull’isola sono venute le istituzioni, di Maio in testa. Restano seppelliti sotto le macerie la vita di prima insieme agli oggetti e ai ricordi.

Ma lì dove è morta un’anziana signora, dove i fratellini si son fatti abbastanza coraggio da resistere intrappolati dai detriti, lì sotto dove è venuto giù il palazzo di via Serrato 16, ci sono ancora tre cassaforti, il tesoro di casa delle famiglie Migliaccio e Trani.

Non il tesoro di un galeone spagnolo carico di preziosi, ma che fa comunque gola: qualcuna spera di arrivare prima dei legittimi proprietari quando l’area sarà finalmente liberata dalle macerie. Le famiglie denunciano tentativi clandestini di giungere alle casseforti, “oggettive trasformazioni dello stato dei luoghi”.

“Ma la cosa sorprendente è che ci hanno risposto: voi non eravate autorizzati a recarvi su quei luoghi e a fare foto, è pericoloso. Ma sembra una tragica barzelletta: dei ladri possono agire indisturbati intorno a quella che era la nostra casa e noi no? Non solo il danno ma anche la beffa?”.