Isis, arrestato a Napoli Sillah Osman: “Voleva commettere un attentato”

di redazione Blitz
Pubblicato il 25 giugno 2018 12:13 | Ultimo aggiornamento: 25 giugno 2018 12:13
Isis, arrestato a Napoli Sillah Osman: "Voleva commettere un attentato"

Isis, arrestato a Napoli Sillah Osman: “Voleva commettere un attentato” (Nella foto, a sinistra Alagie Touray, a destra Abu Bakr al Baghdadi)

NAPOLI  – Un arresto per terrorismo a Napoli. Sillah Osman, 34 anni, cittadino del Gambia, è stato fermato nel corso di un blitz di polizia e carabinieri con l’accusa di essere legato all’Isis. Secondo quanto reso noto dal procuratore di Napoli, Giovanni Melillo, [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] l’uomo avrebbe partecipato ad un duro addestramento in Libia, in una zona desertica, per portare a termine azioni terroristiche con armi da fuoco, coltelli, esplosivi o automezzi.

Osman era sbarcato in Sicilia nel dicembre 2016 ed era arrivato a Napoli dopo essere passato per la Puglia. Secondo gli inquirenti era pronto a colpire sul territorio italiano. E’ accusato del reato di “partecipazione all’associazione terroristica denominata Islamic State o Daesh”.

All’arresto, spiega il Fatto Quotidiano, si è arrivati anche grazie alla collaborazione di un altro gambiano. L’indagine è infatti il seguito dell’operazione che portò al fermo, il 2o aprile scorso, di Alagie Touray, 21 anni, che, secondo le indagini, aveva ricevuto l’ordine di uccidere lanciandosi con un’auto contro la folla, come avvenuto a Nizza e Berlino. L’inchiesta era partita da una segnalazione dell’intelligence spagnola, che aveva scoperto su Telegram il video del giuramento di fedeltà al califfo girato dal giovane. Proprio con Touray, Osman avrebbe dovuto compiere un attentato in Spagna o in Francia lanciandosi contro la folla con un’auto.