Trasporti/ Italiani incollati all’auto, solo il 13% prende il bus

Pubblicato il 25 maggio 2009 14:19 | Ultimo aggiornamento: 25 maggio 2009 15:16

L’italiano non prende l’autobus. Un rapporto Istat rivela che solo 13 persone su 100 usano i mezzi pubblici per gli spostamenti di ogni giorno. Gli altri, la stragrande maggioranza, preferiscono il mezzo privato.

Le politiche di dissuasione del traffico privato e di lotta all’inquinamento si scontrano con l’evidenza. Gli italiani non si lasciano scoraggiare da ecopass, zone a traffico limitato, targhe alterne, chiusura al traffico dei centri storici, tariffazione della sosta ecc.

Il dato segnala anche che se nel 2007 chi utilizzava i mezzi pubblici era il 14% della popolazione, nel 2008 la quota è diminuita al 13%. Una flessione che non si registrava da circa un decennio. L’auto rappresenta la voce più forte (75,7%). Sempre meno coloro che ricorrono alla bicicletta o alla semplice camminata.

Il tasso di motorizzazione italiano, del resto, è tra i più alti d’Europa: poco meno di 600 automobili ogni mille abitanti, contro i 500 di Francia e Germania. E nel nostro Paese ci sono 120 motocicli ogni mille abitanti. In Germania se ne contano 48 e in Olanda 36.