Italia in zona arancione sabato 9 e domenica 10 gennaio: cosa si può fare e cosa è vietato

di Redazione Blitz
Pubblicato il 9 Gennaio 2021 11:41 | Ultimo aggiornamento: 9 Gennaio 2021 13:35
Italia in zona arancione sabato 9 e domenica 10 gennaio: cosa si può fare e cosa vietato

Zona arancione 9-10 gennaio, cosa si potrà fare e cosa no (foto d’archivio Ansa)

Italia in zona arancione sabato 9 e domenica 10 gennaio. Da lunedì invece, le regioni torneranno a differenziarsi per colori.

La decisione è stata presa dopo che l’indice di diffusione del Covid è tornato superiore all’1 a livello Nazionale.

Andiamo a vedere nel dettaglio cosa si può fare e cosa è vietato.

9 e 10 gennaio, Italia in zona arancione: cosa si può fare e cosa è vietato

Prima di tutto sono consentiti gli spostamenti all’interno del proprio Comune di residenza.

I centri commerciali restano chiusi ma è consentito andare negli altri negozi (possono restare aperti fino alle 21).

Resta vigente il coprifuoco dalle 22 alle 5 del giorno seguente.

Bar e ristoranti saranno chiusi ma si può prelevare cibo d’asporto fino alle 22 (da quell’ora in poi è previsto il coprifuoco).

E’ possibile uscire dal proprio comune, rimanendo all’interno della proprio regione, solo per una breve serie di motivi.

Elenchiamoli di seguito: 

  • Per motivi di lavoro. 
  • Per motivi di salute, necessità o urgenza.
  • Per andare a trovare un parente o una persona cara ma solamente in due persone ed una volta al giorno.

Quindi è consentito andare a trovare un parente o una persona cara ma solamente se si trova all’interno della propria regione di appartenenza e nel rispetto delle restrizioni sopra elencate.

  • In questo caso, è obbligatoria l’autocertificazione (la foto in fondo all’articolo).

Anche il 9 e il 10 gennaio sono previste delle eccezioni per uscire dalla propria regione di residenza.

Solamente chi vive in un comune di piccole dimensioni (massimo cinquemila abitanti), al confine tra due regioni, può andare a trovare un amico la cui abitazione si trovi nella regione confinante, ma deve trovarsi entro un raggio di 30 km.

Italia, cinque regioni in fascia arancione da domenica

Cinque regioni in fascia arancione da domenica (Calabria, Emilia Romagna, Lombardia, Sicilia e Veneto).

Una situazione che peggiora nuovamente in tutta Italia.

Con l’indice di diffusione del virus che per la prima volta dopo sei settimane torna superiore all’1 a livello nazionale e 12 regioni a rischio alto.

I dati della cabina di regia confermano quel che era evidente da giorni.

Il Covid ha ripreso a correre ed è quindi fondamentale contenerne la diffusione per evitare la terza ondata.

“Vanno mantenute le misure” in atto, confermano gli esperti.

Invitando il governo a “rafforzare” le restrizioni.

E la stretta arriverà con il nuovo Dpcm in vigore dal 16 gennaio.

A partire dalla conferma del divieto di spostamento anche tra le regioni in zona gialla.

Calabria, Emilia Romagna, Lombardia, Sicilia e Veneto saranno in fascia arancione da domenica.

Il ministro della Salute Roberto Speranza che ha firmato le nuove ordinanze:

“Dobbiamo tenere il massimo livello di attenzione.

Il virus circola molto e l’indice di contagio è in crescita”.

Italia, regioni in fascia arancione: il decreto ha abbassato la soglia dell’Rt

A far scattare la zona arancione per le 5 regioni sono state le modifiche introdotte con il decreto del 5 gennaio.

Il decreto ha abbassato la soglia dell’Rt che determina il posizionamento nelle fasce.

Con Rt superiore a 1,25 anche nel valore minimo e rischio moderato si passa in zona rossa.

Con Rt ad 1 si va in arancione.

Condizione quest’ultima in cui si trovavano la Calabria (1.04 nel valore mimino), l’Emilia Romagna (1.03) e la Lombardia (1.24).

La Sicilia ha invece un Rt minimo a 0.99 e un rischio moderato.

Ma è stata la stessa Giunta, sulla base di quanto suggerito dal Cts regionale, a chiedere di essere collocata in fascia arancione.

Discorso simile per il Veneto.

L’Rt è a 0.96 nel valore minimo ma il rischio di peggioramento è alto.

Infatti il tasso di incidenza a 14 giorni è di 927 su 100mila abitanti a fronte di una media nazionale di 313.

Le ordinanze saranno in vigore fino al 15 gennaio, data in cui scade il Dpcm, e con il nuovo provvedimento verranno valutate eventuali proroghe (fonte Ansa).

Italia in zona arancione sabato 9 e domenica 10 gennaio: cosa si può fare e cosa   vietato

Italia in zona arancione sabato 9 e domenica 10 gennaio: cosa si può fare e cosa è vietato (il modello con l’autocertificazione)