Iuschra Gazi sparita da 70 giorni nei boschi di Serle. Ancora 4 giorni per cercarla

di redazione Blitz
Pubblicato il 27 settembre 2018 15:59 | Ultimo aggiornamento: 27 settembre 2018 15:59
Iuschra Gazi sparita da 70 giorni nei boschi di Serle. Ancora 4 giorni per cercarla

Iuschra Gazi sparita da 70 giorni nei boschi di Serle. Ancora 4 giorni per cercarla

BRESCIA – Sono riprese questa mattina, giovedì 27 settembre, le ricerche intensive a Serle, in provincia di Brescia. Ancora 4 giorni per cercare la piccola Iuschra Gazi, la dodicenne autistica scomparsa il 19 luglio durante una gita nei boschi con altri ragazzini disabili e gli educatori della Fobap.

Dopo gli appelli disperati del padre, il pm Donato Greco ha deciso di ricominciare a cercare. Da oggi e fino a domenica, dalle 8 alle 18, torneranno in campo circa una ottantina di uomini, tra vigili del fuoco, soccorso alpino, protezione civile. Ma questa volta le ricerche non si concentreranno più tra i boschi dell’altipiano ma in una zona limitrofa, raggiungibile a circa un’ora di cammino, dove un testimone, Enrico Ragnoli, aveva detto di aver incontrato Iuschra: “Era seduta su una panchina a forma di tronco e si girava i pollici”, ha detto agli investigatori l’uomo, inizialmente considerato non attendibile per via dei suoi trascorsi giudiziari.

La Procura di Brescia, che indaga per lesioni colpose, ha inoltre acquisito l’elenco dei permessi rilasciati alle auto dal Comune di Serle per l’accesso al bosco. Ieri sera durante la puntata della trasmissione “Chi l’ha visto?” il sindaco del paese Paolo Bonvicini, ha spiegato che sulla strada che porta al bosco c’è il divieto di accesso ai veicoli ma, ha precisato il primo cittadino di Serle, “ci sono alcune autorizzazioni che il comune rilascia nei mesi di luglio e agosto per chi accede ai capanni di caccia o chi accede per il taglio legna. Abbiamo verificato che nel periodo della scomparsa ci sono 15 autorizzazioni rilasciate. Tutto è registrato. Sappiamo che ci sono accessi abusivi per cui spesso accede anche chi non dovrebbe passare”.

A tal proposito i carabinieri hanno acquisito l’elenco delle autorizzazioni ai veicoli rilasciate nel periodo della scomparsa della 12enne.